17:54 03 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
0 04
Seguici su

Pubblicati i dati Istat sulle condizioni di vita, di reddito e carico fiscale delle famiglie italiane, che certificano l'ampio divario tra famiglie ricche e famiglie povere in Italia.

Il divario tra ricchi e poveri non si riduce, il reddito delle famiglie benestanti resta 6 volte superiore al reddito delle famiglie meno abbienti. A scriverlo è l’Istat, che ha presentato i dati sulle condizioni di vita, di reddito e carico fiscale delle famiglie italiane, aggiornato all’anno 2018.

In generale nel 2017 il reddito delle famiglie italiane è mediamente pari a 31.393 euro annui e 2.616 euro mensili, facendo registrare un aumento in termini reali del +1,2%, un dato in rallentamento rispetto alla rilevazione precedente (+2,1%).

Disparità di trattamento appaiono evidenti tra chi percepisce un reddito da lavoro autonomo e o pensione, che aumenta rispettivamente del 3,1% e del 2%; mentre chi percepisce un reddito da lavoro dipendente ha visto diminuire il suo salario dello 0,5%.

20,3% degli italiani a rischio povertà

Nel 2018, scrive l’Istat, il 20,3% della popolazione italiana è a rischio povertà, cioè ben 12 milioni e 230 mila persone. Rientrano in questa fascia tutti coloro i quali hanno un reddito mensile di 842 euro (10.106 euro annui).

Il Sud Italia l’aria geografica con il numero di individui a rischio povertà ed esclusione sociale più elevato: il 45% della popolazione.

Il rischio povertà ed esclusione sociale aumenta in quelle famiglie con tre o più figli e in quelle con un solo genitore.

Correlati:

Italia, bambini poveri triplicati in dieci anni, l'allarme di Save the Children
Acqua "salata", in Italia la bolletta costa 600 euro all'anno a famiglia
Reddito di cittadinanza si sblocca per extra-comunitari. Ecco le indicazioni e i requisiti
Tags:
ISTAT
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook