02:47 16 Dicembre 2019
Carabinieri

Luca Sacchi, dichiarazione di Valerio Del Grosso: "Non volevo uccidere"

© Foto : Public domain/ John O'Beirne
Italia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Valerio Del Grosso fa una dichiarazione spontanea sulla sua posizione che lo vede imputato come killer di Luca Sacchi. Nessuno degli indagati parla e domani è il giorno dell'interrogatorio di Anastasiya.

In una dichiarazione spontanea resa davanti ai giudici Valerio Del Grosso, accusato di aver ucciso con un colpo di pistola alla testa Luca Sacchi, ha dichiarato:

“Non volevo uccidere nessuno, era la prima volta che prendevo un’arma in mano”.

Questa la dichiarazione resta ai giudici, prima di trincerarsi nel silenzio assistito dall’avvocato Alessandro Marcuzzi.

Anche Marcello De Propris e Giovanni Princi, arrestati il 29 novembre nelle fasi evolutive dell’indagine sull’omicidio di Luca Sacchi, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia.

De Propris è in carcere con l’accusa di aver dato la pistola a Del Grosso e Paolo Pirino, mentre Princi (pregiudicato) amico d’infanzia di Sacchi, è in carcere per il tentato acquisto di una grande quantità di droga, trattativa da cui è appunto scaturito l’omicidio di Luca.

L’accusa mossa contro Princi è quella che viene rivolta anche ad Anastasiya, ex fidanzata di Luca, che verrà sentita domani dal gip durante il suo interrogatorio di garanzia. Attualmente la giovane babysitter è indagata a piede libero con obbligo di firma giornaliera presso la locale stazione dei Carabinieri.

L’avvocato di Princi. Giovanni addolorato per la morte dell’amico

L’avvocato di Giovanni Princi riferisce che il giovane “è addolorato per la morte del suo amico Luca a cui era molto legato. Per lui è stata una vicenda dolorosissima”.

Anche la famiglia di Giovanni è sconvolta per quanto accaduto riferisce sempre l’avvocato, che non esclude di ricorrere “al riesame dopo aver letto tutti gli atti”.

I lati oscuri della vicenda

Avvalendosi della facoltà di non rispondere, per tutelare ciascuno la propria posizione, gli imputati lasciano non chiariti i punti oscuri di questa vicenda. Restano quindi aperti molti interrogativi, a cui forse Anastasiya potrebbe dare una risposta domani nel suo interrogatorio, cogliendo l’appello che più volte le hanno rivolto la madre e il padre di Luca, suo ex fidanzato.

Correlati:

Omicidio Luca Sacchi, mamma di uno dei killer denuncia il figlio
Omicidio Luca Sacchi, condotta l'autopsia: tentò di difendersi dalle bastonate. Presto i funerali
Papà di Luca Sacchi: Anastasiya probabilmente nasconde qualcosa
Tags:
Roma, omicidio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik