03:48 16 Dicembre 2019

Respingimento dei migranti è illegale - Tribunale civile di Roma

© AP Photo / Olmo Calvo
Italia
URL abbreviato
8330
Seguici su

Sentenza che farà discutere quella emessa dal Tribunale civile di Roma riguardo i respingimenti degli immigrati, che sono stati dichiarati illegali. La sentenza fa riferimento alla 'causa Osman'.

Il Tribunale civile di Roma dichiara illegali i respingimenti degli immigrati e stabilisce anche che i migranti vittime del respingimento hanno diritto a chiedere il risarcimento danni e hanno il diritto a presentare domanda di protezione internazionale nel Paese che li ha respinti.

La notizia della sentenza viene rilanciata da La Repubblica e non potrà che infiammare ulteriormente il dibattito sui migranti.

Il tribunale civile di Roma accoglie quindi il ricorso dell’Asgi e di Amnesty international Italia, riguardo a fatti che si sono svolti oltre dieci anni fa. Il 27 giugno 2009, infatti, un gommone con 89 persone a bordo fu intercettato da una nave militare italiane e i migranti vennero ricondotti in Libia. Allora il ministro dell’Interno era Roberto Maroni della Lega nord, il quale parlò di svolta nella politica di gestione dei migranti.

Causa Osman

Amnesty international Italia commenta via Twitter la cosiddetta ‘causa Osman e altri contro l’Italia’, che è stata promossa dalla stessa Ong nel 2016 in collaborazione con l’Asgi.

Con un breve comunicato stampa Amnesty international Italia ripercorre la vicenda degli 89 migranti di nazionalità eritrea e della decisione da parte del Governo italiano di ricondurli in Libia, dopo essere stati intercettati in mare con motore in avaria dalla Marina militare italiana.

La storia è stata raccontata anche in un breve cortometraggio del 2012, disponibile su YouTube.

Correlati:

Parlano i migranti sbarcati in Italia con navi ong "Aita Mari" e "Open Arms"
Migranti in Grecia: bisogna ridistribuire le quote tra gli Stati membri dell’UE
Migranti, Ocean Viking soccorre 60 persone al largo delle coste libiche
Tags:
Crisi dei migranti, Flusso migranti, Migranti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik