02:47 16 Dicembre 2019
Scuola infanzia

Camilla affetta da patologia psicomotoria, a scuola grazie alla classe

© CC0 / Pixabay.com
Italia
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Camilla, affetta da patologia psicomotoria, può frequentare la scuola dell'infanzia come le altre bambine grazie alla sua fantastica classe, che sa fare tanto silenzio.

Camilla (nome di fantasia) è una bambina della provincia di Napoli affetta da una patologia psicomotoria irreversibile e per lei, che ha bisogno di tanto silenzio intorno a sé e di essere approcciata in maniera diversa rispetto ad altri bambini e bambine, poter frequentare la scuola dell’infanzia come le sue coetanee si presentava una impresa quasi impossibile.

Invece la storia è andata completamente in un altro modo, perché i bambini della scuola dell’infanzia Giancarlo Siani di Mugnano di Napoli, hanno compreso le difficoltà della loro nuova compagna di classe e hanno fatto silenzio, hanno imparato ad avvicinarsi a lei uno alla volta, a renderla partecipe dei giochi secondo le sue esigenze.

Una sfida vinta da tutta la scuola, a partire dalla dirigente scolastica della Giancarlo Siani che ha saputo costituire un team di insegnanti con le giuste competenze, che sono state trasferite dalle maestre ai bambini di età compresa tra i tre e i cinque anni di età.

I bambini e le maestre meritavano un premio per come hanno saputo accogliere Camilla ed è arrivato dagli stessi genitori di Camilla, che, come racconta Il Mattino, hanno donato alla scuola e ai bambini libri e albi per l’infanzia.

Ora la dirigente scolastica Maria Miceliscopio, spera che il Comune invii a scuola una persona con le giuste competenze per aiutare Camilla a usufruire della mensa scolastica.

Correlati:

Brescia, "Scuola per italiani benestanti", bufera sul Liceo Classico Arnaldo
Entrate mobili agli stadi del Qatar 2022 diventeranno scuole per i rifugiati in altri paesi
Scuole al collasso a Roma, fondazione Agnelli: "Nessari 9,2 miliardi di euro per interventi"
Tags:
buona scuola, Scuola
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik