22:23 07 Dicembre 2019
Scuola con banchi

Scuole al collasso a Roma, fondazione Agnelli: "Nessari 9,2 miliardi di euro per interventi"

CC0 / Wokandapix / École
Italia
URL abbreviato
202
Seguici su

Situazione disastrosa dell'edilizia scolastica, solo nella capitale servono 9,2 miliardi di euro per mettere in sicurezza gli edifici. Solai pericolanti e controsoffitte, vecchie caldaie e muri scrostati: il report della fondazione Agnelli delinea il quadro della condizione in cui versa la scuola pubblica.

Servono 9,2 miliardi di euro per mettere in sicurezza gli edifici di Roma e 200 miliardi in tutta Italia. E' quanto emerge dal rapporto sull'edilizia scolastica della fondazione Giovanni Agnelli, pubblicato da Laterza e presentato ieri a Torino. Cifre da capogiro a fronte di edifici che cadono letteralmente a pezzi. 

Controsoffitti e tetti pericolanti, caldaie vecchie e malfunzionanti, interventi strutturali per garantire la messa in sicurezza e poi pareti, porte e mobili da rimettere a nuovo, questo è il quadro tracciato nel rapporto che indica proprio nella capitale una situazione particolarmente grave con quasi la metà degli edifici vecchi almeno di quarantanni. 

La situazione a Roma

Gli edifici scolastici della capitale, rispetto alle altre città italiane, sono mediamente più vecchi. Alcuni (37) risalgono addirittura a fine ottocento, 34 sono stati costruiti nei primi venti anni del secolo scorso, 143 sono di epoca fascista. Risulta che 929 edifici su 1.743 sono stati costruiti prima del 1975 e quindi non rispettino la normativa di costruzione. 

Una carente manutenzione mette a rischio strutturale l'edificio che può quindi essere soggetto a crolli parziali, come accaduto lo scorso novembre alla scuola "Angeli della Città" del Tufello, dove si è verificato lo scorso mese un crollo del tetto che solo per fortuna non ha causato danni contro i bambini. 

 

 

Tags:
Scuola, Roma, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik