04:09 08 Dicembre 2019
Incidente stradale

Strage di operai nel leccese. Auto travolge manutentori sulla Galatone-Seclì

© AFP 2019 / Jiji Press
Italia
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Grave incidente stradale nel leccese, lungo la circonvallazione Galatone, muoiono sul colpo 3 operai addetti alla manutenzione del verde pubblico, un quarto è grave.

Una Golf bianca fuori controllo finisce contro un camion addetto alla manutenzione degli alberi lungo la circonvallazione Galatone in provincia di Lecce. Muoiono sul colpo tre operai che stavano potando gli alberi in quel momento e il conducente della Golf.

Secondo una prima ricostruzione della dinamica dell’incidente stradale, un’auto, probabilmente la Golf bianca, ha effettuato un sorpasso azzardato finito male, e complice l’alta velocità è andato a schiantarsi contro il camion fermo sul ciglio della strada.

Morto sul colpo il titolare della ditta di manutenzione del verde pubblico, Pasquale Filieri, anche vicepresidente della Protezione civile di Galatone. Con lui sono morti gli operai Luigi Casaluci di 64 anni e Antonio Mezzi di 44 anni, spirati poco prima che giungesse l’ambulanza del 118. Il proprietario della Golf, Alessandro Liguori, 44 anni di Aradeo, è morto.

In codice rosso il quarto operaio, Gianni Benegiamo, che in quel momento si trovava in cima alla piattaforma aerea e stava effettuando la potatura degli alberi. L’operaio è stato trasportato d’urgenza all’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, per trauma cranico e toracico.

Sul posto Vigili del fuoco e i Carabinieri della compagnia di Gallipoli e della stazione di Galatone, che stanno effettuando i rilievi per comprendere l’esatta dinamica del terribile incidente stradale.

Giunto sul posto anche il sindaco di Galatone, Flavio Filoni, il quale ha già anticipato che proclamerà il lutto cittadino.

Correlati:

India: 11 morti e 4 feriti in incidente stradale
Lombardia: incidente stradale provoca 6 morti
Grave incidente stradale in Russia, 7 vittime
Tags:
Incidente, Incidente stradale
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik