12:08 09 Dicembre 2019
Le proteste delle Sardine

Il portavoce delle Sardine Mattia Santori svela piani e progetti

© REUTERS / Guglielmo Mangiapane
Italia
URL abbreviato
7534
Seguici su

L'attivista è stato ospite della trasmissione "In Mezz'ora in più": ha dichiarato testualmente che le Sardine non sono un movimento politico, ma solo degli "anticorpi".

Mattia Santori, il 32enne bolognese tra i fondatori del movimento delle Sardine, è stato ospite della trasmissione Mezz'ora in più di Rai3 in collegamento da Rimini, dove anche oggi è stato in piazza con altra gente in occasione della visita in città dell'avversario politico numero uno, il leader della Lega Matteo Salvini.

Rispondendo alle domande, Santori ha precisato la natura del movimento.

"Il nostro è un ruolo di anticorpi. Siamo più un anticorpo che un movimento politico", ha spiegato, rilevando che la nascita del movimento deriva dalla realtà locale bolognese.

Ha poi annunciato l'obiettivo del movimento: contrastare il pensiero unico dominante del populismo. 

Nel merito ha affermato che a Bologna si è creato un quartier generale di 20 persone che stanno lavorando per "riempire le piazze di persone reali, di un territorio vero che esprime un’alternativa rispetto al pensiero unico dominante del populismo".

Riguardo ai programmi futuri, Santori ha evidenziato che l'attualità è prioritaria.

"Non ci facciamo domande sul futuro perché il presente è abbastanza denso, il nostro obiettivo ora è riempire le piazze di persone reali".

Infine Santori ha rivelato le sue simpatie politiche, con un endorsement al Pd per la realtà dell'Emilia-Romagna, dove alla fine di gennaio si voterà per eleggere il nuovo governatore.

"C’è un progetto di centrosinistra molto ampio, c’è il Pd, c’è un progetto di Emilia Romagna futura, c’è la società civile. Il centrosinistra ci rappresenta bene".

Santori ha poi chiarito che le Sardine non rientrano nella categoria dell'antipolitica, sentendosi comunque rappresentati e auspicando che i successi delle manifestazioni si traducano in urne piene, senza comunque assumersi responsabilità.

"Abbiamo detto fin da subito che non abbiamo problemi con la politica, ci sentiamo rappresentati. Noi diciamo: riappropriamoci della politica. Se queste piazze piene non si trasformeranno in urne piene, evidentemente, c’è un problema di fondo, ma non me ne sentirei la responsabilità", ha concluso.

Le Sardine: chi sono e cosa vogliono

Le Sardine, a dispetto del nome poco serio, hanno come obiettivo dichiarato "risvegliare una coscienza politica anti-populista".

I loro valori sono tipici della sinistra, come si legge sul loro profilo su Facebook: solidarietà, accoglienza, rispetto, diritti, inclusione, non violenza e antifascismo.

Obiettivo dichiarato è la Lega: le Sardine hanno acquisito la notorietà proprio grazie ad una manifestazione flash mob in centro a Bologna in funzione anti-Carroccio, dopo che il 14 novembre al Paladozza era andata in scena la kermesse elettorale leghista con Salvini e la candidata governatrice Lucia Borgonzoni.

Tags:
Italia, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik