00:48 11 Dicembre 2019
Bus guida autonoma Navya

Bus guida autonoma Navya arriva a Merano. Al via la sperimentazione in città

© CC BY-SA 2.0 / Keolis and Navya Autonomous Shared Ride Vehicle
Italia
URL abbreviato
0 02
Seguici su

Al via a Merano la sperimentazione del bus a guida autonoma della società francese Navya. Servirà i cittadini del centro storico con estrema precisione e sicurezza dei passeggeri.

La guida autonoma sarà il futuro? Probabilmente per i mezzi pubblici sì. A Merano dal 25 novembre all’1 dicembre è prevista una fase sperimentale con utenti reali del Navya Autonom shuttle, il bus a guida autonoma francese in commercio dal 2015 e utilizzato già in molti altri piccoli contesti urbani ed espositivi.

L’autobus è di piccole dimensioni e si muove facilmente tra le vie dei piccoli centri urbani, leggendo con estrema precisione il contesto che lo circonda. Ha una precisione di guida elevata e legge il percorso in totale sicurezza.

Lo shuttle a guida autonoma è stato sperimentato più volte nel corso degli anni a Bordeaux durante l’ITS World congress del 2015, più di recente a febbraio 2019 la nuova versione è stata impiegata nella stazione climatica invernale francese di Val Thorens.

Autobus a guida autonoma a Merano: sperimentazione in corso

La fase sperimentale si divide in due parti. Nella prima parte il bus a guida autonoma percorre le vie del centro di Merano per imparare il percorso. Le sue telecamere memorizzano non solo la strada ma anche gli eventuali ostacoli posti lungo il tragitto.

Nella seconda fase gli utenti potranno salire a bordo per fare un giro del centro di 10 minuti, con partenza da Via Giardini. Lo shuttle è a disposizione dei cittadini dalle 9 alle 17, dal 25/11 all’1/12.

Il mezzo avrà a bordo un conducente, che non guiderà il mezzo ma interverrà in caso di emergenza. Lo shuttle non è dotato di volante, a guidarlo un joystick come quelli che si utilizzavano una volta per giocare ai videogame.

Il progetto Mentor

La sperimentazione del bus a guida autonoma nel Comune di Merano si inserisce nel progetto Mentor, finanziato con 1,5 milioni di euro dal programma di cooperazione europea Interreg V/A Italia-Svizzera, che coinvolge oltre Merano anche il Comune di Briga-Gils (Svizzera).

Il progetto vede la collaborazione dell’assessorato alla mobilità della Provincia autonoma di Bolzano e STA Alto Adige spa. Tra i partner tecnologici del progetto NOI Techpark, Sasa e PostAuto.

Autobus a guida autonoma ideali per piccoli centri e poche risorse

L’autobus a guida autonoma della Navy può portare al massimo 12 persone, è quindi un mezzo di trasporto di piccole dimensioni adatto ai piccoli centri abitati. Proprio questa potrebbe essere la sua caratteristica vincente. Si pensi a quei piccoli centri abitati mal serviti dai mezzi pubblici, o dove le risorse economiche non consentono di pagare lo stipendio ai conducenti. Mezzi di trasporto come questo permetterebbero ai piccoli centri urbani di avere un bus di trasporto e a costi decisamente contenuti per le amministrazioni locali.

Correlati:

Se hai bevuto non guidi: l'ok della UE ai dispositivi salva-vita
Pista! Cane automobilista guida la macchina in un mercato thailandese - Video
Labrador Retriever si crede un pilota di Formula 1 e guida per un'ora in retromarcia - Video
Tags:
autobus, Bolzano
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik