03:28 08 Dicembre 2019
Il fondatore del M5s Beppe Grillo (foto d'archivio)

Salvini attacca Grillo e Di Maio

© AFP 2019 / Andreas Solaro
Italia
URL abbreviato
6122
Seguici su

Il segretario della Lega ha sostenuto che il Movimento Cinque Stelle, alleandosi con il Pd per dare vita al nuovo governo Conte-bis, abbia svenduto il sogno di cambiamento degli italiani.

Duro affondo del numero uno della Lega contro il leader politico del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio e il guru dei pentastellati Beppe Grillo. 

Salvini ha sostenuto che in cambio di qualche poltrona offerta dai Dem, abbiano svenduto il sogno di cambiamento degli italiani, come testimoniato dall'emorragia di voti e consensi e allo stesso tempo ha ribadito le porte aperte del Carroccio agli ex elettori del MoVimento che si sentono traditi.

"Grillo e Di Maio hanno rubato un sogno a milioni di italiani, svendendo il cambiamento in cambio di qualche poltrona offerta dal Pd. Tantissimi elettori e tanti eletti se ne sono accorti, la Lega è una comunità aperta anche a loro, determinata a proseguire sulla via del cambiamento, in Italia e in Europa. Mai col Pd, la coerenza prima di tutto".

Poi ha attaccato personalmente il fondatore dei Cinque Stelle Beppe Grillo.

"Votateci per beneficenza, contro una destra pericolosetta... E prima ancora voleva togliere il voto agli anziani e cancellare le elezioni!?! Grillo ormai non fa più ridere, poveretto, fa pena", il tweet di Salvini a commento delle dichiarazioni di Grillo e Di Maio. Al suo post Salvini ha aggiunto alcune immagini dei due con la scritta "The end".

​Vertice d'urgenza tra Di Maio e Grillo

All'hotel Forum di Roma è durato circa un'ora e mezza il vertice d'urgenza del Movimento Cinque Stelle, con il faccia a faccia tra il leader Luigi Di Maio e il fondatore del MoVimento Beppe Grillo.

Al termine del vertice, il leader politico del M5s ha assicurato gli attivisti sulla piena convergenza con il guru del MoVimento. 

"Siamo d'accordo su tutto, abbiamo smentito le leggende metropolitane di questi giorni", ha dichiarato Di Maio.

A sua volta Beppe Grillo ha ribadito la fiducia a Di Maio, nonostante la perdita di consenso e le sconfitte elettorali.

"Luigi Di Maio lavora 25 ore al giorno e non può essere sostituito per nessuna ragione, anzi va sostenuto".

Tags:
M5S, Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Lega
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik