17:37 07 Dicembre 2019
Gaetano Miccichè

Lega di serie A. Il presidente Gaetano Micciché si dimette

© AFP 2019 / Alberto Pizzoli
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Il presidente della Lega di Seria A Gaetano Micciché si dimette dalla carica con effetto immediato. Nella lunga lettera di addio si difende dalle accuse e elenca i risultati raggiunti.

Si dimette da presidente della Lega di Serie A Gaetano Micciché e lo annuncia con una nota che anticipa i contenuti dell’istruttoria della Procura federale aperta 20 mesi fa a suo carico.

“Desidero annunciare, con questa dichiarazione, le mie immediate dimissioni dalla carica di presidente della Lega di serie A. Le indiscrezioni di oggi apparse sui giornali relative alla chiusura dell’istruttoria sulla mia nomina avvenuta 20 mesi fa e al suo possibile esito sono inaccettabili e mi impongono questa decisione”.

Le dimissioni di Micciché quindi fanno riferimento all’accusa di elezioni non trasparenti che hanno portato alla sua nomina. Ma Micciché fa notare che lui non era presente all’assemblea elettiva e che il verbale di accettazione era firmato “da tutti gli azionisti presenti alla riunione alla quale hanno partecipato anche professionisti autorevoli e competenti come Gerardo Mastandrea, Ruggero Stincardini, Ezio Simonelli, Paolo Nicoletti”. Lo scrive l’ormai ex presidente della Lega Seria A Gaetano Micciché.

Una Lega commissariata e disorganizzata

Micciché si difende e apertamente parla di aver preso in mano una Lega di serie A commissariata e “completamente disorganizzata che non aveva nemmeno la parvenza di una realtà efficiente”. E precisa che tutte le delibere sono state prese all’unanimità per realizzare “iniziative che andavano nella giusta direzione”.

Micciché nel lungo comunicato ci tiene a evidenziare tutti i risultati da lui raggiunti, e che quasi sembrano anche indicare le motivazioni che hanno portato a questa situazione di criticità attuale.

  • Introduzione di nuovi criteri di rispetto di comportamenti e regole;
  • gestione della crisi relativa ai diritti 2018/2021 assegnati a Mediapro, rivelatasi inadempiente contrattuale;
  • gestione e risoluzione di numerosi contenziosi del passato;
  • ripristino di una corretta governance della Lega;
  • presentazione di un piano industriale dettagliato, che mai era stato fatto prima per la Lega.

 

Tags:
Calcio, Federcalcio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik