21:01 08 Dicembre 2019
Un'autostrada in Italia

Strage bus di Avellino. Procura sequestra ulteriori viadotti sulle autostrade

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Inchiesta bis sulla strage dell'autobus di Avellino del 2013. La Procura di Avellino dispone il sequestro di ulteriori 9 viadotti sulla Napoli-Canosa, la Napoli-Milano e Bologna-Taranto.

La Procura della repubblica di Avellino ha disposto il sequestro di ulteriori viadotti situati sull’autostrada A1 Napoli-Milano, l’autostrada A14 Bologna-Taranto e la A16 Napoli-Canosa.

Il sequestro è stato disposto nell’ambito dell’inchiesta bis nata a seguito della strage di pellegrini caduti con il loro autobus giù dal viadotto Acqualonga dell’Autostrada A16 Napoli-Canosa nel 2013, all’altezza di Monteforte Irpino (Av). I pellegrini rientravano a casa dopo una giornata trascorsa a Pietrelcina in provincia di Foggia.

Il tribunale ha disposto il sequestro e messo i sigilli ai viadotti: Val Freghizia, Fosso pezza secca, Rio Pescara, Fonte dei preti, Del Vomano, Colonella, Lamia, Omero fabriani, D’Antico.

I nove viadotti sequestrati, si aggiungono a quelli già posti sotto sequestro dalla magistratura la scorsa estate sull’Autostrada Bologna-Taranto e l’Autostrada Napoli-Canosa.

Strada maledetta per i pellegrini che viaggiano in autobus

Il 17 novembre scorso un autobus di pellegrini provenienti da San Giovanni Rotondo, ha preso fuoco sull’autostrada A16 Napoli-Canosa, nei pressi del casello di Vallata in direzione Napoli

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Bisaccia e Grottaminarda per spegnere il fuoco e prestare i primi soccorsi ai pellegrini.

L’incendio non ha provocato feriti, ma solo tanta paura e lunghe code sull’autostrada.

Correlati:

Irrompe camion sull'autostrada: automobilista illeso dopo lo scontro - video
Bloccata l’autostrada A3 per un corteo di lavoratori Whirlpool di Napoli
Ponte Morandi, la procura accusa Autostrade: falsi report sulla sicurezza del viadotto
Tags:
autobus
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik