00:58 11 Dicembre 2019
L'aeroporto di Heathrow vicino Londra

Aeroporti Malpensa e Linate ritorno al passato: ammessi liquidi, Pc e tablet

© REUTERS / Stefan Wermuth/File Photo
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Check-in più snelli e sicuri, il ritorno ai liquidi in cabina oltre i 100ml, sì a Pc e tablet in aereo. Questo il ritorno al passato agli aeroporti di Linate e Malpensa grazie alle nuove tecnologie.

Per i più giovani una rivoluzione la possibilità di poter portare nel bagaglio a mano liquidi oltre i 100ml, il Pc e il tablet a bordo dell’aereo, ma per chi l’11 settembre 2011 era più grandicello ed era abituato a volare più liberamente si tratterebbe di un ritorno al passato, se questo fosse davvero possibile.

Incredibile ma lo sarà entro il 2021 all’aeroporto di Linate, che da poche settimane ha riaperto dopo un significativo restyiling che non ha coinvolto solo l’area shopping e food, ma anche la parte tecnologica dello scalo.

Anche il Terminal 1 di Malpensa implementerà la stessa tecnologia che permetterà di effettuare controlli più accurati e veloci, riducendo lo stress per i passeggeri.

I vecchi dispositivi di controllo a raggi X, verranno progressivamente sostituiti dai più recenti sistemi di controllo Tac capaci di leggere anche i minimi dettagli durante la fase di scansione dei bagagli.

Smart security a Malpensa

Con un investimento da 17 milioni di euro, Sea spa, rinnova interamente la sicurezza del Terminal 1 di Milano Malpensa introducendo un nuovo sistema di controllo con linee del tutto automatizzate. Il controllo del bagaglio a mano viene affidato all’Industria 4.0, aumentando il numero di passeggeri controllabili fino a 250 ogni ora.

Per quanto riguarda il controllo anti-esplosivi, entro l’anno 2020 saranno attivi i sistemi Explosive detection system for cabin baggage (Eds-Cb) che effettuano il controllo dei bagagli sfruttando la tecnologia Tac invece dei raggi X.

La tecnologia Eds-Cb è già attiva sui bagagli che vanno in stiva, ma ora il suo impiego si estende al bagaglio a mano che ciascun passeggero porta con sé in aereo.

Il controllo dell’operatore umano, sarà così semplificato perché avrà a disposizione uno strumento che gli consente di analizzare con maggiore precisione il contenuto dei bagagli. Di conseguenza non sarà più necessario aprire le borse, estrarre le bottigline d’acqua e gettarle via.

Riconoscimento facciale dietro consenso

Gli aeroporti milanesi si doteranno anche di un sistema di riconoscimento facciale che eviterà al passeggero di dover estrarre il documento a ogni step. Questo sistema richiede però un consenso previo al passeggero, il quale dovrà registrarsi presso i chioschi presenti negli aeroporti. Il chiosco registrerà i dati biometrici del passeggero e li conserverà per un anno, passato il quale saranno cancellati.

La soluzione si presenta molto utile in particolare per quanti viaggio frequentemente da e per l’estero e hanno sempre tempi ristretti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik