23:48 07 Dicembre 2019
Coppia nell'intimità

Soldi per non mettere in rete video e foto hot con l'ex, donna arrestata in Friuli

CC0
Italia
URL abbreviato
230
Seguici su

Un nuovo caso di "revenge porn", avvenuto a Pordenone, vede questa volta un uomo, libero professionista, come vittima, ricattato da una ragazza dell'Est Europa.

Una donna straniera è riuscita ad estorcere al suo ex oltre 25mila euro con il ricatto di metterlo alla gogna sul web mediante la pubblicazione di video e foto scattate all'insaputa dell'uomo nei momenti d'intimità. In cambio della cancellazione la ricattatrice, oltre ai soldi, aveva chiesto il passaggio di proprietà di una casa e l'acquisto di una macchina. La notizia è segnalata dall'agenzia Adnkronos.

Il nuovo caso di "revenge porn", avvenuto a Pordenone, vede questa volta un uomo, libero professionista, come vittima, ricattato da una ragazza dell'Est Europa, anche se a quanto emerge dalla ricostruzione si sarebbe spacciata per sudamericana; dopo averlo sedotto, la donna lo ha incastrato con video sessualmente espliciti girati di nascosto.

Dopo essere riuscita nel giro di poche settimane mediante il ricatto e le pressioni psicologiche ad ottenere pagamenti in contanti in tranche da 400 euro, per poi ulteriori 15mila e 10mila euro, la donna è stata denunciata dall'uomo ormai disperato ai carabinieri di Aviano. Le forze dell'ordine in coordinamento con il pm Federico Baldo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pordenone hanno provveduto ad identificare ed arrestare la donna.

Revenge porn: cos'è

Con questa espressione della lingua inglese traducibile in italiano come "pornovendetta" o "vendetta porno" si indica la condivisione sul web di immagini o video a luci rosse senza il consenso dei protagonisti. A seconda dei casi le immagini hot possono essere state immortalate con o senza la consapevolezza del partner coinvolto.

Questa pratica è talvolta caratterizzata come una forma di violenza, abuso psicologico, o abuso sessuale. La pubblicazione di contenuti hot avviene solitamente con l'obiettivo di umiliare la persona coinvolta per ritorsione o vendetta.

Tags:
internet, Società, Giustizia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik