04:22 08 Dicembre 2019
Acqua alta a Venezia, turisti sulla Piazza San Marco

Venezia, incubo acqua alta, previsto nuovo picco

© Sputnik . Vladimir Vyatkin
Italia
URL abbreviato
211
Seguici su

Nuova allerta acqua alta a Venezia, alle 11.20 la marea potrebbe aggiungere il livello di 160 cm. Le prime sirene di allarme hanno iniziato a suonare all'alba.

Non è ancora finito l'incubo acqua alta a Venezia. Stamattina il comune ha dato l'allerta per un nuovo picco di marea che potrebbe toccare i 160 cm alle 11.20. Alle 6.39 è stato dato il primo allarme, ma nel corso delle ore le previsioni sono peggiorate di minuto in minuto. Dai 145 cm inizialmente previsti, il livello è stato ritoccato al rialzo diverse volte, sino a raggiungere l'attuale, annunciato nell'allerta del comune. 

Attualmente il livello di marea è di 115 cm e piazza S. Marco è di nuovo sommersa da 20 cm di acqua. Il traffico dei vaporetti è bloccato, le scuole sono nuovamente chiuse e si cammina, finché si potrà, sulle passerelle. 

​Lo stato di emergenza a Venezia

A causa degli incendi danni provocati dall'alta marea, il governo ha deliberato in Cdm lo Stato di emergenza per la città della laguna. Saranno stanziati, ha annunciato il premier Conte, 20 milioni per gli investimenti più urgenti a sostegno della città e della popolazione.

Nella tarda serata di martedì 12 novembre, a causa del maltempo e della fitta pioggia, l'acqua alta aveva raggiunto il livello record di 1,87 m, il secondo più alto dal 1966, quando raggiunse 1,94. 

A causa del maltempo un anziano signore di 78 anni ha perso la vita rimanendo fulminato mentre si trovava sull'isola di Pellestrina. A provocare la sua morte, secondo gli investigatori, sarebbe stato un corto circuito innescato dall'acqua alta che era entrata nella sua abitazione. Anche un'altra persona è stata trovata morta dentro la sua dimora.

Ingenti danni anche alla Basilica di San Marco, dove l'acqua ha raggiunto 110 cm d'acqua, mentre la cripta è stata completamente sommersa. 

Tags:
alluvione, Veneto, Venezia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik