18:26 07 Dicembre 2019
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Venezia per fare il punto sui danni causati dal maltempo.

Venezia, Conte promette 5mila euro ai privati e 20mila agli esercenti

Filippo Atilli
Italia
URL abbreviato
7011
Seguici su

Il presidente Conte, presente a Venezia sul luogo dell'alluvione, ha reso noti i dettagli su come saranno distribuiti gli aiuti alla popolazione del capoluogo veneto

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che presto arriveranno i primi aiuti per Venezia e per i veneziani dopo che la città è stata completamente allagata a causa dell'acqua alta.

"Il governo è solidale e presente, nessuno resterà da solo", si legge sul profilo Twitter del premier.

Conte ha poi pubblicato una foto in compagnia di Walter Mutti, un edicolante di Venezia che a causa dell'alluvione ha perso la sua attività.

"Ha perso la sua edicola, sommersa dall'impeto delle acque. Stamane l'ho incontrato in Prefettura a Venezia: ho ascoltato le sue parole di dolore, uguali a tante altre che mi giungono dai cittadini veneziani", sono le parole scelte dal presidente del Consiglio.

5mila euro ai privati e 20mila euro agli esercenti

Conte, dopo la riunione in prefettura della mattina, ha reso noti i primi dettagli circa le modalità con le quali saranno distribuiti gli aiuti nel capoluogo veneto per far fronte agli ingenti danni provocati dal maltempo.

"Per quanto riguarda il ristoro dei danni ci sono due fasi: la prima consentirà di indennizzare privati ed esercenti commerciali fino ad un limite di 5mila per i privati e 20mila per gli esercenti".  

Il premier ha precisato che "questi soldi potranno arrivare subito", mentre per coloro che hanno subito "danni più consistenti"

Decreto di emergenza

Conte ha poi spiegato che al CDM sarà poi adottato "il decreto che dichiara lo stato di emergenza per Venezia".

Il presidente del Consiglio ha voluto sottolineare che tale misura "consentirà di varare già la prima dotazioni finanziarie per quanto riguarda le spese di primo soccorso volte a ripristinare le funzionalità dei servizi".

Il Mose

Per quanto riguarda l'annosa questione del Mose, i cui lavori di costruzione sono iniziati nel 2003 ma non sono ancora terminati, Conte ha annunciato che il 26 novembre verrà convocato il Comitato interministeriale per la salvaguardia di Venezia e promette che entro poco tempo sarà scelto il nuovo Commissario straordinario.

"Sta arrivando il Commissario straordinario. Dobbiamo integrare la nomina del Consorzio Venezia Nuova e poi c'è ancora il Provveditorato competente sulle acque sul quale stiamo facendo una valutazione. Dobbiamo coordinare meglio il lavoro di questi differenti organi. La designazione del commissario già c'é, stiamo formalizzando".

Poco dopo è stato ufficializzato che Elisabetta Spitz è stata nominata Supercommissario al Mose dall'esecutivo giallorosso.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik