17:08 07 Dicembre 2019

Mondiali U17, l'avventura degli azzurrini finisce ai quarti: il Brasile vince 2-0

© Sputnik . Anton Denisov
Italia
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Eliminazione nei quarti di finale del mondiale di categoria per l'Italia U17. A passare è il Brasile, per il quale sono risultati decisivi i gol di Patryck e Peglow, entrambi arrivati nel primo tempo.

Finisce ai quarti di finale la corsa degli azzurrini al Mondiale U17, di scena in questi giorni in Brasile. Una gara gestita, a  tratti, forse non in maniera perfetta dagli undici di Nunziata e conclusasi con tanti rimpianti su ciò che sarebbe potuto essere ma che, purtroppo, non sarà.

Rimpianti perché il Brasile non era di certo quello degli Zico, dei Falcao o dei Ronaldo, tutt'altro. Una squadra che, per ampie frazioni di gioco, ha dimostrato grande fragilità rischiando di subire gli attacchi dei nostri, mostrando però quella concretezza necessaria per avanzare alle semifinali, dove incontrerà la Francia che, nell'altro quarto di finale, ha umiliato la Spagna con un sonorissimo 6-1.

La cronaca

Avvio fulmineo del Brasile, che per passare ha impiegato appena 6', con un sinistro di Patryck sul quale l'estremo difensore azzurro Molla non è forse stato perfetto nell'intervento.

Proprio nel momento peggiore, l'Italia ha però saputo reagire, cominciando a dominare la partita, mettendo insieme almeno tre nitide occasioni da gol tra il 13' e il 36' minuto.

Uno slancio che però non è stato pagato e, anzi, è stato seguito dal colpo del K.O. dei brasiliani, capaci di raddoppiare a pochi minuti dalla fine del prime di tempo, con un preciso diagonale di Peglow.

Nella ripresa, l'Italia ha continuato a provarci, con Nunziata che ha lanciato nella mischia anche Oristanio, autore della rete decisiva con l'Ecuador.

Pur in una situazione maggiormente equilibrata, che ha visto il Brasile impegnare severamente Molla con un destro velenoso di Veron, l'Italia ha creato diverse palle gol, arrivando vicina al pareggio. 

L'ultima occasione, per i nostri, l'ha avuta Gnonto, che però si è fatto ipnotizzare dall'estremo difensore avversario, Donelli, sparandogli addosso a campo aperto.

Il futuro degli azzurrini

Di certo quel che resta, per gli azzurrini, è un mondiale giocato su ottimi livelli, fino ai quarti, con alcune belle scoperte, come ad esempio l'interista Gnonto, autore di tre marcature.

Dopo il secondo posto nell'Europeo di categoria, perso contro l'Olanda nello scorso mese di maggio, ci sono insomma tutti i presupposti per aprire un ciclo di future vittorie e regalare alle selezioni maggiori un gruppo di sicura qualità e di grande avvenire.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik