22:13 07 Dicembre 2019
Giustizia in tribunale

Lara Bombonati, Foreign Fighter italiana, condannata a 2 anni e 8 mesi

CC0 / Daniel Bone
Italia
URL abbreviato
310
Seguici su

Due anni e 8 mesi per Lara Bombonati, la foreign fighter italiana con disturbi di personalità dipendente acclarata, che secondo l'accusa si era radicalizzata.

Condannata a 2 anni e 8 mesi Lara Bombonati, la foreign fighter italiana. L’accusa per lei è di associazione con finalità di terrorismo, un reato che in Italia è stato introdotto negli ultimi anni per combattere il fenomeno dei foreign fighters che ritornano in Italia e per lottare in modo più efficace con ogni forma di terrorismo.

La Bombonati era stata arrestata nel mese di giugno 2017 perché si era convertita all’ideologia del califfato. La donna aveva anche sposato Francesco Cascio, un italiano che aveva deciso di unirsi all’Isis e che sarebbe morto in Siria durante i combattimenti.

La donna, di 28 anni, fu arrestata nella notte tra il 24 e 25 giugno del 2017 a Tortona (Alessandria) mentre soggiornava ospite a casa della sorella gemella Valentina (estranea ai fatti). La Bombonati non aveva una fissa dimora e si spostava tra Tortona e la frazione di San Vito di Garbagna, dove c’è la casa estiva dei nonni materni.

​Scontata la pena in carcere, la Bombonati dovrà trascorrere un anno in comunità perché le è stato accertato un disturbo di personalità dipendente.

Lara è molto delusa dalla sentenza, ha riferito il suo legale, perché non è stata creduta “di essersi recata in Siria per seguire il marito, cui era legata e non poteva dire no per il disturbo di personalità dipendente”.

In tribunale c’erano i genitori e la sorella, ma anche la suocera.

Correlati:

Il tesoro dell'ISIS: pastori iracheni trovano forziere con oro e denaro per oltre 25 milioni $
Ritrovato bambino portato in Siria dall'ISIS nel 2014: presto tornerà in Italia
La Turchia inizia a rispedire nei Paesi d'origine i combattenti stranieri dell'Isis
Tags:
Lotta all'ISIS, ISIS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik