12:02 09 Dicembre 2019
Liliana Segre

Ministra Lamorgese sul caso Segre: preoccupa linguaggio d'odio

© AP Photo / Luca Bruno
Italia
URL abbreviato
607
Seguici su

La titolare del Viminale dopo aver parlato con Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma, e il rabbino capo Riccardo Di Segni ha affermato: "L’Italia è un paese sicuro perché abbiamo sempre tenuto viva la memoria".

La ministra dell'Interno si è recata in visita al Tempio Maggiore, dove ha incontrato la comunità ebraica romana.

Rivolgendosi ai rappresentanti della comunità ebraica di Roma, ha espresso preoccupazione per i linguaggi violenti ed ha solidarizzato con la senatrice a vita Liliana Segre, testimone della Shoah e sopravvissuta al lager nazista di Auschwitz.

"Da linguaggi violenti possono venire azioni violente. C’è stato uno sdoganamento del linguaggio violento, che vediamo in tutti gli ambiti, come se fosse normale parlare in modo virulento. Il confronto deve essere civile e non uno scontro. Questo ci preoccupa perché la parte negativa di ognuno di noi sta prendendo il sopravvento. Con dichiarazioni che destano preoccupazione nei confronti della senatrice Segre di cui mi onoro di essere amica". 

La Lamorgese ha spiegato a suo parere la ragione per cui l'Italia è da considerarsi un Paese sicuro, in cui il fenomeno dell'antisemitismo non desta allarmismo.

"L’Italia è un Paese dove non abbiamo mai abbassato la guardia perché abbiamo mantenuto viva la memoria. La nostra scelta è stare con gli altri, con culture diverse e avere per questo una responsabilità. La memoria è dei giovani. Dobbiamo parlare con loro. Noi siamo qui compatti su questa linea".

Saviano e le accuse contro i sovranisti Meloni e Salvini

Ieri il noto scrittore partenopeo aveva sostenuto che Giorgia Meloni, leader di FdI, e Matteo Salvini, segretario della Lega, erano responsabili del clima d'odio contro la senatrice a vita Liliana Segre, bersagliata quotidianamente da decine di messaggi antisemiti e minacce.

Scorta a senatrice Liliana Segre

Dopo l'incremento degli insulti e le incitazioni all'odio antisemitico dei giorni scorsi, è stata disposta la scorta per la senatrice a vita 89enne Liliana Segre.

Il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica di Milano, presieduto dal prefetto Renato Saccone, ha disposto che dalla giornata di oggi a Liliana Segre sia garantita una scorta personale che la protegga.

Voto in Senato sulla "commissione Segre"

Con 151 voti favorevoli, nessun contrario e 98 astensioni, il Senato ha approvato la mozione della senatrice a vita Liliana Segre sull'istituzione di una commissione straordinaria per il contrasto ai fenomeni dell'intolleranza, del razzismo, dell'antisemitismo e dell'istigazione all'odio e alla violenza. Il centrodestra si è astenuto, suscitando critiche tra la comunità ebraica e il Vaticano oltre che nel centrosinistra.

Tags:
Società, politica interna, ebrei, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik