Widgets Magazine
07:45 13 Novembre 2019

Sondaggi, italiani preoccupati per la manovra, pagheremo più tasse?

© Sputnik .
Italia
URL abbreviato
230
Seguici su

Ipsos con un sondaggio ha misurato la percezione della manovra che verrà a giorni discussa in parlamento. Per la maggioranza relativa degli intervistati, aumenterà il carico fiscale.

La manovra finanziaria è stata oggetto di discussioni e persino tensioni all'interno della stessa maggioranza. Una manovra difficile, caduta a ridosso di una crisi politica, che aveva come primo obiettivo quello di fermare l'aumento dell'Iva e poi riconfermare le riforme varate lo scorso anno, in particolare il reddito di cittadinanza e quota 100, e effettuare il preannunciato taglio delle tasse, attraverso la misura del cuneo fiscale. 

Una manovra lievemente espansiva, che prevedere risorse per le famiglie, senza mettere mano ad aumenti Irpef, ma che prevede l'introduzione di nuove tassazioni, giustificate con lo scopo di incentivare migliori abitudini alimentari e disincentivare le "cattive". In questo senso è stata pensata la Sugar Tax, una tassa che esiste sotto diverse forme in altri paesi, imposta sulle bibite zuccherate analcoliche e che si prefigge il contrasto all'obesità infantile. 

Introdotta anche la Plastic Tax, su contenitori e imballaggi di plastica monouso, e aumentate le accise sul tabacco e accessori, come cartine e filtri. Questi provvedimenti, che effettivamente hanno delle ripercussioni sul portafogli degli italiani, hanno destato preoccupazioni su un aumento del carico fiscale e, conseguentemente, dei prezzi. 

E difatti, da quanto emerge dalle rilevazioni effettuate da Ipsos, una maggioranza relativa del campione intervistato, è convinto che gli effetti negativi della manovra saranno maggiori di quelli positivi. Il 37% degli intervistati ritiene che la manovra incorpora un aumento delle tasse per il 2020. Il 30% ha risposto che il carico fiscale sarà identico all'anno precedente, mentre solo il 21% ritiene che, grazie a provvedimenti come il cuneo fiscale, pagherà meno tasse. Il 12% infine, non indica nessuna risposta. 

Uso del contante

Un indirizzo del governo giallorosso è quello di disincentivare l'utilizzo del contante, per contrastare l'evasione fiscale. Per questa ragione in finanziaria sono inserite delle misure volte a incentivare i pagamenti elettronici, come il cashback e la lotteria degli scontrini. 

Una proposta, secondo Ipsos, che mette d'accordo la maggioranza degli italiani. Secondo il campione preso in considerazione, sarebbe il 51%, più della metà,  ad essere favorevole a misure che limitano il contante, mentre il 45% ha un parere negativo. Non si è espresso il resto degli intervistati.

Le categorie che evadono di più

Ipsos ha chiesto anche quali siano, a parere degli intervistati, le categorie che più ricorrono ai pagamenti in nero. Per 34% dei casi sono i liberi professionisti quelli che più evitano di rilasciare fattura, seguiti dagli artigiani che evadono per il 30% degli intervistati. L'11% ritiene che siano i commercianti a esser pagati in nero, mentre il 10% indica i collaboratori domestici. Il restante 15% non si esprime. 

Tags:
IPSOS, Sondaggi, Aumento tasse, tasse, legge di stabilità, legge di bilancio, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik