23:49 15 Novembre 2019
Silvio Berlusconi (foto d'archivio)

Berlusconi annuncia creazione di "Altra Italia"

© AFP 2019 / Andreas Solaro
Italia
URL abbreviato
628
Seguici su

I piani politici del cavaliere nel nuovo libro del giornalista Bruno Vespa, che comparirà sugli scaffali delle librerie a partire dal prossimo 6 novembre.

Il fondatore e presidente di Forza Italia ha parlato nel nuovo libro di Bruno Vespa "Perché l'Italia diventò fascista (e perché il fascismo non può tornare)" dei suoi piani che ha in mente per rilanciare il suo partito, che rappresenta l'ala moderata del centrodestra, dove è sempre più padrone e autorevole il leader della Lega Matteo Salvini, alla luce dei risultati del voto delle regionali in Umbria e degli ultimi sondaggi, che danno il Carroccio come primo partito in Italia e in crescita.

Come riportato da Rainews, Berlusconi ha dichiarato di voler creare per ogni regione Altra Italia, che includerebbe le liste civiche che si ispirano ai valori del centrodestra moderato. La nuova forza sarà federata con Forza Italia e da essa, aggiunge il cavaliere, potrà uscire il suo successore.

"Penso alla creazione di due o tre nuclei di Altra Italia per ogni regione, prendendo anche il meglio delle liste civiche che si ispirano ai nostri valori. Una struttura giovane che si federi con Forza Italia senza ruoli di preminenza dell'una sull'altra. Da qui potrà nascere il mio successore".

Sul tema del successore Berlusconi ha rivelato ulteriori dettagli a Vespa.

"Ho sempre cercato il successore nei coordinatori nazionali. Se ne sono avvicendati tanti, ma quelli che si candidavano come miei successori non stati avvertiti come tali dal nostro Movimento e se ne sono andati... In ogni caso ricordo che chi ha lasciato Forza Italia non ha mai fatto una bella fine politica...".

Riguardo ai rapporti con la Lega e in particolare alla collocazione politica del Carroccio nel Partito Popolare Europeo, Berlusconi chiede di fare una scelta.

''Il tema non è l'ingresso nel Ppe, che non è all'ordine del giorno. Il tema è che la Lega in Europa deve scegliere da che parte stare. Se rimanere isolata in una posizione simile ai lepenisti francesi, quindi con una buona massa di voti ma senza esercitare alcun ruolo, oppure se portare le proprie idee e i propri valori, che sono sicuramente democratici, all'interno di una coalizione più vasta, nella prospettiva che dicevo poco fa del centro-destra europeo".
Tags:
Forza Italia, Silvio Berlusconi
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik