02:28 20 Novembre 2019
Pronto soccorso

Napoli, troppa attesa al pronto soccorso ed il papà sfonda la porta a calci

© flickr.com / Five Furlongs
Italia
URL abbreviato
314
Seguici su

Violenza all'ospedale pediatrico Santobono di Napoli, un papà incapace di attendere il proprio turno ha sfondato a calci la porta del pronto soccorso rischiando di colpire una bambina.

Ennesimo episodio di violenza negli ospedali partenopei, il papà di un neonato di 15 giorni dichiarato codice verde dai sanitari, ieri sera ha sfondato la porta dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli mettendo a repentaglio l’incolumità di una bambina che in quel momento si trovava dall’altra parte della porta e veniva valutata nel triage dai medici.

Per fortuna la bambina non ha subito alcuna ferita, mentre i sanitari hanno allertato la polizia che ha identificato l’uomo.

L’episodio si è verificato intorno alle 23, poco prima un neonato di 15 giorni era stato portato dai genitori e dalla nonna con riferiti problemi respiratori. Valutata la sua condizione e visti i parametri buoni, i sanitari gli hanno assegnato il codice verde e messo il caso in attesa nella sala d’aspetto.

I genitori, però, non volevano attendere il loro turno e l’infermiera ha fatto entrare il bimbo e la nonna nell’area post triage per calmarli.

Nel frattempo sono giunti al Santobono dei codici gialli, tra cui bambini con convulsioni e ipertermia severa, che hanno avuto la precedenza. La nonna, non accettando di essere scavalcata ha istigato il padre del neonato a reagire, e quest'ultimo ha sfondato con un calcio la porta del pronto soccorso, mettendo a repentaglio l’incolumità di una bambina che dall’altra parte era in valutazione nell’area triage.

L’Ospedale ha condannato l’ennesimo atto di violenza, sottolineando anche, come riporta Il Mattino, il fatto che sono spesso “i familiari di pazienti con patologie inappropriate per il pronto soccorso che si rendono responsabili di questi episodi”.

I dirigenti del Santonobo chiederanno un tavolo con le Asl per creare una rete che possa evitare l’afflusso di pazienti in codice bianco all’ospedale Santobono. In particolare il nosocomio chiederà il servizio di guardia medica pediatrica per i codici bianchi all’Asl Na1.

La sparatoria nel pronto soccorso di Cava de’ Tirreni

Nel nosocomio di Cava de’ Tirreni Santa Maria dell’Olmo, alcuni giorni fa, è spuntata addirittura una pistola al termine di una lite tra i parenti di un malato e un medico di turno al pronto soccorso. In seguito, il padre del medico è giunto in ospedale a difesa del figlio ed ha estratto la pistola ferendo una persona.

Correlati:

Gli operai Whirlpool Napoli non si arrendono, protesta all'aeroporto di Capodichino
Guasto sulla linea Av Roma-Napoli, ancora ritardi e disagi per i passeggeri
Milano: per evitare l'arresto ingoia la droga, muore in ospedale poco dopo
Giallo a Como, giovane trovato ferito a bordo strada muore in ospedale
Tags:
Napoli, ospedale
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik