Widgets Magazine
09:01 13 Novembre 2019
L'autoveicolo della Guardia di Finanza italiana

Controlli fiscali 2020. Agenzia delle Entrate sempre più capillare

© Depositphotos / Giuseppe Anello
Italia
URL abbreviato
15120
Seguici su

Con la manovra economica 2020 si inasprisce la lotta all'evasione fiscale nei confronti di cittadini e imprese. Obiettivo recuperare 7 miliardi di euro. Ecco come.

La manovra economica 2020 conta molto sul recupero di fondi derivanti dalla lotta all’evasione fiscale, sono previsti infatti 7 miliardi di euro provenienti dal recupero dell’evasione. Dobbiamo quindi aspettarci una vera e propria stretta da parte dell’Agenzia delle Entrate su tutte le categorie di cittadini – pensionati, lavoratori dipendenti, liberi professionisti, imprenditori, disoccupati o presunti tali.

Sono anni che l’Agenzia delle Entrate lotta contro l’evasione fiscale introducendo sempre nuovi sistemi, come Serpico il Servizio per le Informazioni sul Contribuente che incrocia i dati di numerose banche dati, per scovare le eventuali incongruenze tra quanto dichiarato dal contribuente e quanto ha speso.

Ad esempio, quando si comprano i farmaci e si fornisce la tessera sanitaria al farmacista per far risultare sullo scontrino fiscale il codice fiscale personale, quella informazione non viene registrata solo sullo scontrino, l’acquisto dei farmaci risulterà direttamente al sistema dell’Agenzia delle Entrate (che saprà anche presso quale farmacia sono stati comprati i farmaci). Pagando quindi in contanti, se quel denaro contante non è stato dichiarato, potrebbe mettere in allarme il sistema informatico e far scattare l’accertamento.

Vediamo in sintesi quali sono poi le nuove misure fiscali che saranno introdotte col nuovo anno.

La manovra economica in fase di “limatura” al parlamento prevede in particolare tre nuove strategie anti evasione:

  1. aumento delle sanzioni per gli evasori (il carcere per fatture false sopra 100mila euro);
  2. adozione di sistemi informatici contro l’evasione sui contribuenti previdenziali;
  3. pagamenti elettronici obbligatori.

Quali quindi i nuovi controlli?

I controlli dell’Agenzia delle Entrate nel 2020

L’Agenzia delle Entrate effettuerà controlli ancor più serrati su varie attività fiscali dei cittadini tra cui:

  • giacenze media del conto corrente;
  • flussi in entrata e in uscita mensili;
  • saldi iniziali e saldi finali dell’anno;
  • dichiarazione dei redditi;
  • versamento contributi Inps.

Ma anche le attività imprenditoriali saranno oggetto di maggiori controlli:

  • fatture e scontrini elettronici per imprese e liberi professionisti;
  • affitto di case e camere tramite i portali Airbnb, Booking e Homeway;
  • chi trasferisce denaro all’estero attraverso i money transfer.

I nuovi strumenti anti evasione

Vi sono poi nuovi strumenti già introdotti nel 2019 e che potrebbero essere ora migliorati:

Superanagrafe conti corrente: il sistema dell’Agenzia delle Entrate confronta la giacenza sui conti corrente e quanto si è speso, per verificare se ci sono somme non dichiarate.

Evasometro: una estensione del precedente strumento, confronta i dati dei conti correnti con quelli dichiarati, al fine di scovare le evasioni. Ad esempio se si deposita denaro contante sul conto corrente non dichiarato nella dichiarazione dei redditi.

Software contributi Inps: una nuova modalità di verifica dei contributi Inps da versare.

 

Correlati:

Netflix indagato per evasione fiscale dal tribunale di Milano
Nadef: Istat, l’evasione fiscale elevata pesa sull’equità delle politiche pubbliche
Lotta alla grande evasione fiscale, non solo a parole
Tags:
Agenzia delle Entrate, evasione fiscale
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik