11:46 21 Novembre 2019
Sottoposti a fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Roma i due presunti autori dell'omicidio di Luca Sacchi

Omicidio Sacchi, colpito con una mazza da baseball prima dello sparo

© Foto: Polizia di Stato
Italia
URL abbreviato
0 06
Seguici su

Emergono nuovi inquietanti dettagli relativamente alle circostanze in cui è avvenuto l'omicidio di Luca Sacchi, il 24 enne romano aggredito assieme alla sua fidanzata Anastasia Kylemnik e poi ucciso da uno sparo in testa. In base al referto dell'autopsia il giovane sarebbe stato colpito da una mazza da baseball prima di ricevere il colpo letale. 

Si tratterebbe dell'arma con cui Paolo Pirino, 21 anni, avrebbe colpito la Kylemnik durante la rapina. I segni trovati sul corpo del giovane sono compatibili con il colpo di una mazza da baseball e indicherebbero che Sacchi avrebbe cercato di difendersi. 

I due presunti autori della tragica aggressione, Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti al Gip e restano in carcere, dopo la convalida delle misure cautelari. 

L'aggressione

Nella notte tra il 23 e il 24 ottobre la coppia è stata aggredita alle spalle, mentre si trovava nei pressi del pub John Cabot. Del Grosso e Pirino si sono avventati contro Anastasia, la fidanzata del Sacchi, allo scopo di rubarle uno zainetto che, poi ritrovato dagli inquirenti, contenente una grossa somma di denaro.

Una rapina che si è trasformata in omicidio. La ragazza è stata violentemente colpita prima alla testa e poi alla schiena con una mazza da baseball, e il fidanzato è stato ucciso nel tentativo di difenderla.

Secondo quanto ricostruito il denaro sarebbe stato destinato all'acquisto di droga, ma la ragazza smentisce categoricamente questa ricostruzione dei fatti, spiegando di trovarsi al pub per badare al fratello minore.

"No, noi eravamo lì per guardare il fratellino più piccolo che stava dentro al pub. Luca non è quello che dicono, Luca è l'amore non ci sono altre definizioni - spiega la ragazza - Luca ha tentato di proteggermi".

La famiglia ha deciso di donare gli organi di Luca.

Tags:
omicidio, Roma, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik