11:40 21 Novembre 2019

Lieto fine per nonna Peppina, la casa "non è un abuso edilizio"

Agata Turchetti
Italia
URL abbreviato
261
Seguici su

Per il tribunale di Macerata non c'è nessun abuso edilizio: cade l'accusa per nonna Peppina che festeggerà presto i 97 anni. Il messaggio di Salvini: "Felice per te".

Era diventata il simbolo del terremoto del 30 ottobre 2016, nonna Peppina, alias Giuseppa Fattori, questa tenace signora ultranovantenne, che per non lasciare il luogo in cui è vissuta, si era trasferita in una casina di legno nel giardino accanto alla casa distrutta, regalatale dalle figlie. Ma nel 2017, in seguito a una denuncia anonima, i carabinieri avevano posto i sigilli alla sua nuova dimora, costringendo l'anziana donna a lasciare i luoghi della sua vita. Mancava l'autorizzazione paesaggistica. Una vicenda che aveva indignato tutta l'Italia, perché si privava di dimora una signora anziana per di più vittima di un terremoto. 

Adesso un tribunale le ha dato ragione, stabilendo che quella casina di legno non è abusiva. Entusiasta Agata, una delle due figlie:"Ci ritroveremo nella casetta e apriremo una bottiglia di spumante con qualche dolcetto per festeggiare la caduta dell'accusa di abuso edilizio. Sono proprio felice, mamma compirà 97 anni tra meno di un mese, il 26 novembre, e ci sarà un motivo in più per festeggiare". "E sarà anche un modo per ricordare domani i tre anni dalla brutta scossa, quella del 6.5 di magnitudo del 30 ottobre 2016 - conclude  - che ha dato una svolta non proprio felice alla nostra vita e a quella di migliaia di persone".

Il tweet di Salvini

Esprime la sua felicità per il lieto fine della vicenda il leader della Lega, Matteo Salvini, pubblica una foto assieme alla donna. "Vi ricordate? Ci eravamo impegnati tanto per risolvere questa assurda e vergognosa situazione, che riguardava anche altre famiglie terremotate. Ora cadono anche le (incredibili!) accuse di abuso edilizio. Sono felice per te e per i tuoi cari, #nonnaPeppina: un abbraccio!" 

 

Tags:
Marche, Terremoto, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik