20:32 07 Dicembre 2019
Zucca di Halloween

Zucca Day 2019, Coldiretti dichiara un calo di produzione nelle zucche dovuto al clima

© Sputnik . Petr Chernov
Italia
URL abbreviato
221
Seguici su

Coldiretti ha registrato un calo nella produzione di zucche dovuta al caldo anomalo degli ultimi mesi, con una diminuzione del 10%. L'analisi è stata divulgata in occasione della giornata Zucca Day che si festeggia in tutta Italia nei mercati di Campagna Amica.

Il caldo anomalo registrato negli ultimi mesi ha provocato una diminuzione nella produzione delle zucche del 10%, con una stima per il raccolto del 2019 equivalente a 36 milioni di chili. L'analisi emersa da Coldiretti è stata divulgata oggi, giornata dello Zucca Day, evento che si festeggia in numerose piazze italiane nei mercati di Campagna Amica. 

A causa dell'ampio utilizzo delle zucche per Halloween, dal semplice consumo culinario alle decorazioni, in questo periodo la corsa all'ortaggio costerà ai consumatori un prezzo medio di 1,5 o 2 euro al chilo, mentre i produttori agricoli ne traggono un profitto che va dai 30 ai 60 centesimi al chilo.

​"A ridurre la disponibilità di prodotto italiano sono state le anomalie climatiche soprattutto al Nord. Prima un maggio freddo e piovoso, poi un’estate con bolle di calore e grandinate hanno ostacolato lo sviluppo delle piantine e la formazione del frutto, pur se la qualità è fortunatamente salva. Complessivamente in Italia sono circa 2000 gli ettari coltivati, divisi soprattutto tra Lombardia (con circa il 25% della superficie nazionale), Emilia Romagna e Veneto, seguite da Campania, Lazio, Liguria, Sicilia e Toscana", dichiara Coldiretti. 

Zucca: regina delle tavole invernali

Prodotto versatile sia per piatti dolci che salati, la zucca risulta la regina indiscussa delle tavole invernali. Nel corso del tempo si sono create due principali tipi di utilizzo, una per la preparazione di tortelli, gnocchi, dolci e pane, l’altra come ingrediente di minestre e minestroni.

"Per assicurarsi un prodotto di qualità quando si compra la zucca a pezzi, occorre verificare che le fette siano state tagliate da poco (la polpa deve essere un po’ umida e i semi scivolosi) perché la vitamina A è sensibile alla luce e tende a distruggersi man mano che passa il tempo. Va controllata anche la buccia: deve essere integra, senza segni di muffe e ammaccature", spiega Coldiretti. 

Gli agricoltori stanno cercando di garantire, attraverso le produzioni di zucche, l'italianità del prodotto, dato che la legge impone di dichiarare il paese d'origine delle zucche intere, ma non di quelle tagliate o dei semi di zucca. La produzione delle zucche, sia tradizionali che da decorazione, continua per prevenire l'aumento di importazione da paesi stranieri, dove non vigono le stesse regole sull’uso di pesticidi, come nel caso dell’Egitto e della Tunisia. Nel 2018 l’Italia ha importato circa 9,2 milioni di chili di zucca, in crescita del 5% rispetto all’anno precedente.

Zucche: non solo a tavola ma anche come decorazioni

Negli ultimi anni si sono registrati aumenti di consumo delle zucche non solo culinario ma anche di particolari tipologie usate per decorazioni o per competizioni. Accanto alle varietà internazionali gli agricoltori continuano a produrre la tradizionale zucca marina di Chioggia del Veneto, la zucca violina di Ferrara, la zucca di Castellazzo Bormida in Piemonte, la zucca lardaia di Siena, la zucca Berrettina piacentina, la zucca Delica e quella Cappello da Prete, la più diffusa, soprattutto nel Mantovano, che possono essere trovate nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica.

"L’altra categoria di zucca che si sta affermando in Italia è quella ornamentale: si tratta di zucche di ogni tipo, che si differenziano per le dimensioni (di piccola taglia oppure enormi) per la forma (allungate a forma di tubo, a trombetta, a cappello, schiacciate, a spirale, tonde), per la buccia (rugosa, bitorzoluta, costoluta, liscia) e per il colore (di ogni tonalità, dal verde al rosso accesso, passando per zucche striate). Ma è indubbio che l’affermarsi della notte delle streghe ha aperto il nuovo “mercato” delle zucche intagliate con le quali si cimentano un numero crescente di italiani"​, conclude Coldiretti.

Tags:
Coldiretti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik