00:43 16 Novembre 2019
Dati sensibili su internet

Finte raccomandate dell'Agenzia delle Entrate, come difendersi dalla nuova truffa online

© Foto : Pixabay
Italia
URL abbreviato
0 06
Seguici su

E' la stessa Agenzia delle Entrate a lanciare l'allarme: una nuova truffa effettuata con il metodo del phishing, con cui gli hacker si fanno consegnare, da utenti ignari, credenziali e dati personali. Ecco come difendersi da questo tipo di attacchi informatici.

E' la stessa Agenzia delle Entrate a mettere in guardia su una truffa di tipo phishing, ideata dagli hacker per sottrarre dati personali e credenziali bancarie ai propri utenti. Si tratta di una finta “raccomandata digitale” inviata a nome di Agenzia delle Entrate, che invita a cliccare su un link per accedere al documento, dove inserire i dati personali che vengono rubati dai cybercriminali.

L'e-mail, già nell'oggetto, si presenta come un documento inviato da "Agenzie dell'Entrate-Riscossione". L'utente, ingannato dal titolo, la apre credendo che si tratti di una raccomandata inviata dall'Autorità Fiscale. All'interno del testo della mail, che fa riferimento a imprecisati documenti esattoriali indicati con un falso codice, la vittima viene invitata ad aprire un link all'interno del quale inserire i propri dati, cliccando su "Accedi Documento". 

Si apre quindi una falsa pagina informativa che presenta il logo e l'intitolazione dell'Agenzia delle Entrate. Qui viene chiesto alla vittima di fornire i propri documenti di riconoscimento e le credenziali bancarie in un form, che finisce direttamente nelle mani dei cybercriminali. 

L'Agenzia delle Entrate ha comunicato di essere del tutto estranea all'invio delle comunicazioni e ha invitato gli utenti a non comunicare i propri dati personali attraverso la pagina web indicata nella mail.

Come evitare il phishing

Il phishing è uno dei metodi più usati dal cybercrime per effettuare attacchi informatici. Nonostante gli uffici pubblici e bancari non possano chiedere informazioni personali né via mail né per telefono, sono in molti a cadere in questo tipo di truffa. Ci sono dei semplici trucchi per identificare una mail contraffatta da un documento reale. 

  1. controllare sempre il mittente dell'e-mail e verificare che coincida con quello reale dell'Ente, autorità o banca indicato nell'indirizzo;
  2.  controllare che il link riportato nel testo sia lo stesso indirizzo internet a cui il link condurrà. Per far questo è sufficiente posizionarvi sopra il cursore del mouse;
  3. in generale conviene sempre copiare e incollare il link sulla barra del browser, piuttosto che cliccare;
  4. evitare di aprire o scaricare documenti provenienti da mittenti non verificati o sospetti. 
Tags:
Agenzia delle Entrate, Attacco hacker, Hackeraggio, hacker, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik