00:31 16 Novembre 2019
Caprese

World Food Day 2019: ciascun italiano getta 36 chili di cibo all’anno

© Foto : CCO/Pixabay
Italia
URL abbreviato
201
Seguici su

Oggi è il World Food Day 2019, si parla di fame nel mondo ma anche di spreco di cibo. Gli italiani, secondo Coldiretti, gettano 36 kg di cibo pro capite annui.

Oggi mercoledì 16 ottobre è il World Food Day, la giornata mondiale dell’Alimentazione indetta dalla Fao per sensibilizzare sulla fame nel mondo, ma anche sulla corretta alimentazione e sullo spreco di cibo.

A Roma, presso la sede della Fao, si sono riuniti oggi i responsabili dei governi per celebrare la giornata e fare il punto sull’Agenda 2030 che punta ad azzerare la fame nel mondo.

Mentre una parte del pianeta lotta contro la fame, c’è né un’altra metà che deve lottare contro gli sprechi. Coldiretti lo ricorda commentando il rapporto sullo “Stato dell’alimentazione e dell’agricoltura 2019” presentato dalla Fao lo scorso 14 ottobre.

Gli italiani gettano nella spazzatura 16 miliardi di euro in cibo. Al primo posto la frutta e la verdura, seguiti dal pane, aglio e cipolle, e ancora latte, yogurt, formaggi, salse e sughi.

Gli sprechi domestici rappresentano il 54%

Gli sprechi domestici di cibo rappresentano il 54% del totale. Segue il settore della ristorazione con il 21%, e la distribuzione commerciale con il 15%. Mentre l’agricoltura spreca solo l’8% e il comparto della trasformazione il 2%.

Il totale di chili di cibo sprecati da ciascun italiano ammontano a 36 kg annui: una cifra non da poco.

Un problema non solo etico, ma anche economico

Il cibo in eccesso gettato nella spazzatura non è solo un problema etico, fa notare Coldiretti. Ma anche un problema economico per la società, perché il cibo gettato diventa spazzatura da gestire e smaltire con un aggravio di costi sul ciclo dei rifiuti: dalla raccolta alla gestione, fino alla differenziazione.

Il cibo sprecato è anche un costo per il singolo e per le famiglie, che potrebbero risparmiare risorse economiche evitando di spendere soldi per cibo che non si usa.

Cresce la sensibilità degli italiani

Di spreco alimentare se ne parla da molti anni e la sensibilità degli italiani è cresciuta di molto negli ultimi tempi. Coldiretti rileva, infatti, che il 71% degli italiani ha ridotto o addirittura eliminato gli sprechi alimentari.

Gli accorgimenti che hanno portato al miglioramento riguardano il recupero in cucina degli avanzi, una maggiore attenzione alla data di scadenza degli alimenti e la richiesta della cosiddetta doggy bag al ristorante.

L’acquisto di prodotti a km 0 che sono più freschi e durano più giorni è uno degli accorgimenti sempre più praticati dagli italiani.

Correlati:

La Fao per il World Food Day 2015 a Expo
Sei cibi da evitare per mantenere giovane la pelle
I giovani occidentali: basta cibo ai russi!
Cibo del futuro, ecco la carne artificiale che sarà meno cara del manzo da allevamento
Tags:
Cibo, Alimentazione, World Food Day
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik