03:41 20 Novembre 2019

In Italia il primo trapianto al mondo di vertebre umane

© Sputnik . Varvara Gert'e
Italia
URL abbreviato
0 50
Seguici su

Avvenuto con successo il primo trapianto al mondo di vertebre umane, presso l'Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Il paziente, affetto da tumore, ha 77 anni.

Riuscito con esito positivo il primo trapianto al mondo di vertebre umane presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. L’intervento è stato effettuato lo scorso 6 settembre utilizzando le vertebre di un donatore conservate nella banca del tessuto muscolo-scheletrico della regione Emilia Romagna.

Il paziente su cui è stato effettuato l’eccezionale intervento sostitutivo, sta ora bene ed è tornato a casa. La sostituzione delle vertebre si è resa necessaria per asportare il tumore osseo cordoma che aveva colpito l’uomo di 77 anni.

Trapianto di vertebre umane all’Istituto Rizzoli di Bologna

Non è la prima volta che si effettua un trapianto di parti delle vertebre umane, ma di solito lo si è fatto con protesi di carbonio, di titanio o ricostruendo le vertebre con la stampante 3D. L’operazione di trapianto condotta dal direttore di chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo del Rizzoli, Alessandro Gasbarrini, ha quindi dell’eccezionale.

Per la medicina oncologica ed ortopedica si apre un nuovo capitolo, una nuova strada e una nuova speranza per i pazienti.

Il trapiantato con vertebre umane sta bene ed è a casa

L’uomo di 77 anni trapiantato con vertebre umane perché affetto da tumore osseo, è tornato a casa dopo un periodo di 15 giorni di osservazione post-operatorio, e un periodo di fisioterapia riabilitativa.

Constatato che l’intervento era riuscito con successo e che il paziente non aveva subito il rigetto di trapianto, l’equipe medica del Rizzoli di Bologna ha deciso di dimetterlo e di rimandarlo a casa tra i suoi famigliari, dove vi è tornato sui suoi piedi.

I trapianti delle vertebre con la stampante 3D

L’intervento condotto al Rizzoli di Bologna è in un certo senso una evoluzione della tecnica sostitutiva già messa in pratica in altri casi dall’Ospedale bolognese.

Presso l’Istituto, infatti, si effettuano trapianti di porzioni della colonna vertebrale sostituendo le parti affette da tumore con una protesi realizzata da una stampante 3D.

Le vertebre elaborate a computer sul modello di quelle originali del paziente, una volta stampate vengono rifinite a mano dai tecnici prima di impiantarle sul paziente.

Correlati:

Drone trasporta per la prima volta fegato da trapiantare su una paziente
Nuova frontiera dei trapianti: arriva quello di feci
A Torino effettuato il primo trapianto di quattro organi su una persona
Tags:
ospedale, trapianto
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik