02:37 20 Novembre 2019

Milano: per evitare l'arresto ingoia la droga, muore in ospedale poco dopo

© Foto : Pixabay/ Dorinel Nedelcu
Italia
URL abbreviato
6191
Seguici su

A Milano un tunisino, 46anni, ingoia la dose di droga che aveva con sé per evitare l'arresto, ma si sente male e muore poco dopo all'ospedale Fatebenefratelli.

È successo a Milano. L'uomo di 46 anni, di nazionalità tunisina, era stato avvistato, verso le 18, in atteggiamento sospetto da una volante della Polizia di Stato in via Cermenate. Dopo un breve inseguimento, è stato bloccato dagli agenti che hanno notato l'uomo avvicinarsi la mano alla bocca. 

Non avendo i documenti l'uomo è stato portato in Questura per il fotosegnalamento, dove ha dichiarato le proprie generalità ed è risultato destinatario di un provvedimento di espulsione.

In questo frangente l'uomo ha cominciato ad accusare forti dolori all'addome e della schiuma ha cominciato a fuoriuscire dalla sua bocca.

L'uomo, soccorso e portato via da un'ambulanza che era presente nel cortile vicino la Questura, è stato condotto all'ospedale Fatebenefratelli di Milano, dove è morto dopo poco tempo, verso le 19,30. Il magistrato ha disposto l'autopsia ma, secondo fonti della Questura, dalle prime analisi nel sangue risultano tracce di stupefacente che ricondurrebbero la causa della morte a overdose di sostanze stupefacenti.

Di fatto l'uomo, per non essere arrestato dagli agenti, avrebbe preferito ingerire le sostanze che aveva con sé, con una conseguente dose eccessiva di droghe nell'organismo che sono risultate fatali per l'uomo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik