00:14 16 Novembre 2019

I sondaggi lanciano Renzi e l'alleanza PD-M5S vincerebbe in 6 regioni su 9

© Sputnik . Danilo Garcia di Meo
Italia
URL abbreviato
6010
Seguici su

I sondaggi danno in crescita Italia Viva, ormai incollato a Forza Italia, mentre i maggiori partiti, Lega, PD e M5S, sono in costante declino. Ma l'alleanza giallorossa convince e sarebbe vincente su 6 regioni su 9.

A sorpresa il partito fondato da Renzi prende quota e diventa l'ago della bilancia fra le varie coalizioni. E' quanto emerge dal sondaggio sulle intenzioni di voto degli italiani, effettuato da BiDi Media. Italia Viva con il 5%, insegue Forza Italia che con il 5,5% perde qualche punto. 

Vola anche Fratelli d'Italia, all'8%, in crescita continua. In un anno e mezzo il partito di Giorgia Meloni ha raddoppiato il consenso ottenuto alle consultazioni politiche del 2018. 

In crisi i grandi partiti. La Lega continua ad essere la prima forza politica con il 30.6%, ma perde inesorabilmente consensi. Il PD scende al di sotto della soglia dei 20 punti, con il 19,5% di consenso, minacciato dal M5S al 19,2%. 

Le altre forze politiche, +Europa, LeU, Europa Verde, Siamo Europei e Cambiamo!, i due soggetti politici nati dalle microscissioni di Calenda (PD) e Toti (FI), restano ben al di sotto della soglia di sbarramento, attorno al 2%. Ma non sono delle forze da ignorare, dato che il distacco complessivo tra le due coalizioni di centrodestra e centrosinistra è minimo, e quindi le alleanze con i "piccoli" potrebbero risultare decisive. 

Cresce l'apprezzamento del governo

Dopo un inizio non dei migliori, l'apprezzamento verso il nuovo governo passa dal 36% al 43%, mentre i contrari dal 52% scendono al 44%. Picchi di apprezzamento, naturalmente, fra elettori PD e M5s, dove le percentuali raggiungono rispettivamente l'88% e il 90% di consenso. 

Questo andamento è confermato anche dalle rivelazioni di Renato Mannheimer per Affaritaliani.it. Ci sarebbe un testa a testa fra forze di governo e centrodestra, che supererebbe solo di un punto percentuale (45% contro 44%) la somma del consenso di M5s, PD, LeU e Italia Viva. Tutto potrebbe cambiare se il partito di Emma Bonino dovesse entrare in una ipotetica coalizione elettorale di centro sinistra: il suo 2% permetterebbe, in teoria, il sorpasso. 

Alleanza PD e M5s

Promossa nei sondaggi, in particolare, l'alleanza PD e M5s, che farà il suo primo debutto nelle regionali in Umbria. Secondo le rilevazioni di Mannheimer, l'alleanza giallorossa conquisterebbe almeno 6 regioni, tra cui  Calabria, Emilia Romangna, Puglia, Toscana e Marche. Il centrodestra nella sua versione classica (Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia) otterrebbe una vittoria schiacciante solo in Veneto, mentre in regioni come Umbria e Liguria ci sarebbe un testa a testa. 

Dal PD, intanto, arriva la prospettiva di un consolidamento dell'alleanza con i pentastellati, che possa aprirsi anche a altri partiti di centrosinistra. Lo scrive il segretario dem, Nicola Zingaretti, in un tweet. 

​L'idea non ha tuttavia suscitato gli entusiasmi sperati. I suoi followers si sono immediatamente mostrati contrari alla proposta. "Mi viene da vomitare", "Ripigliatevi, ve ne prego", "Ah perché ti sembra che state facendo cose di centrosinistra adesso ??", così hanno commentato molti elettori del PD, alcuni duramente, altri in maniera più ironica. 

Tags:
Lega, PD, M5S, Nicola Renzi, Italia Viva, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik