13:19 21 Novembre 2019
Tutti si rivolgevano a me per chiedere favori.

Maxi operazione antimafia a Catania, disarticolato clan etneo di Cosa Nostra

© Fotolia / Exopixel
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

L'indagine della DDA di Catania ha fatto luce sulle articolazioni della famiglia Santapaola-Ercolano, che controlla il territorio catanese. 31 mandati di arresto su tutto il territorio nazionale.

L'operazione Black Lotus condotta dai Carabinieri del comando provinciale di Catania, ha portato all'arresto di 19 persone, dieci delle quali poste agli arresti domiciliari, mentre a 12 persone già in carcere è stato notificato un provvedimento restrittivo emesso dal Gip. 

Associazione mafiosa, estorsione, traffico di stupefacenti, false intestazioni aziendali, detenzione e porto illegale di armi, questi sono i capi d'accusa emessi dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Catania. Una indagine che ha consentito di fare luce sulle articolazioni della struttura interna del clan Santapaola - Ercolano, individuare i ruoli dei membri, le figure di responsabilità e le dinamiche con cui i vertici si sono alternati. In particolare i cambi di guida con cui si sono succeduti Francesco Santapaola, Antonio Tomaselli e Aldo Ercolano.

Un sistema di estorsioni che gravava sulle imprese del territorio, costretti a versare ai gruppi di Lineri e San Pietro Clarenza e Barriera, dai 3000 ai 5000 euro all'anno destinati al mantenimento delle famiglie dei detenuti, un vero e proprio welfare mafioso. Una parte delle somme raccolte con il "pizzo" venivano reinvestite in attività imprenditoriali attraverso prestanome. E' quanto emerge dalle indagini condotte grazie alle dichiarazioni dei pentiti e alla collaborazione di oltre 15 vittime di estorsione, che hanno infranto il muro di omertà. 

Tags:
Catania, Sicilia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik