Widgets Magazine
14:08 13 Novembre 2019
Parmigiano

Parmigiano falso esposto alla fiera di Colonia

© Sputnik . Ekaterina Chesnokova
Italia
URL abbreviato
1013
Seguici su

"Parmesan" esposto alla fiera di Anuga, spacciato per prodotto di origine controllata. La rabbia dei produttori che hanno chiesto l'intervento delle forze dell'ordine.

A denunciare l'esposizione di due prodotti imitazione del nostra eccellenza Dop, alla più grande fiera mondiale dedicata al cibo, è stato il Consorzio del Parmigiano Reggiano. La denuncia ha provocato l'immediato intervento delle autorità tedesche. 

Secondo il consorzio dei produttori la dicitura "Parmesan" è una denominazione in palese conflitto con la sentenza  della Corte di Giustizia delle Comunità Europee, ottenuta nel 2008, che l'ha dichiarata non un termine generico, ma un’evocazione della denominazione “Parmigiano Reggiano”, quindi non può essere utilizzato per formaggi non conformi alla disciplina della Dop italiana.

“Non è la prima volta – osserva il presidente del Consorzio, Nicola Bertinelli – che un Parmesan viene esposto in una fiera internazionale così importante per le eccellenze agroalimentari, dove forse la spudoratezza spinge qualcuno a pensare che si allenti la rigidità dei controlli che avvengono sul mercato: il risultato è che, al contrario, è scattata la richiesta di intervento delle autorità tedesche, che proprio in questa sede assume un clamore tale da scoraggiare a maggior ragione chi attua frodi o contraffazioni che sono già state oggetto di pesanti condanne per diverse imprese”.

La guerra al parmigiano

I consorsi Grana Padano e Parmigiano Reggiano sono in allarme, in seguito ai dazi imposti da Donald Trump, che prevedono una tariffa sino al 25% del prezzo del prodotto importato. Una misura che potrebbe azzerare l'export negli USA e favorire la diffusione dei formaggi fake, a detta dell'allarme dei produttori che adesso minacciano manifestazioni davanti alle basi militari degli USA

Tags:
Colonia, Germania, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik