01:12 16 Novembre 2019
Insegnanti spiegano a scuola

Italia maglia nera per l'età degli insegnanti nell'UE: più della meta dei professori è over 50

© AP Photo / Markus Schreiber
Italia
URL abbreviato
101
Seguici su

Secondo una ricerca pubblicata da Eurostat, gli insegnanti italiani sono i più 'vecchi' d'Europa, con un età media dei professori superiore ai 50 anni.

L'istituto di statistica europeo Eurostat in occasione della giornata mondiale dell'insegnante, festeggiata ogni anno il 5 di ottobre, ha pubblicato l'ultima rilevazione (con dati relativi al 2017) sulla forza lavoro europea nel settore scolastico.

Nell 2017 erano 5,8 milioni gli insegnanti che prestavano servizio in un'istituto scolastico dell'Unione Europea. La stragrande maggioranza di essi, il 72% (4,2 milioni), erano donne mentre solamente il 9% (0,5 milioni) avevano un'età inferiore ai 30 anni, con il 36% (2,1 milioni) dei maestri che era invece di età superiore ai 50 anni.

A fare da portabandiera in quest'ultima statistica di 'anzianità', c'è l'Italia, con oltre la metà (53%) del personale insegnante over 50. Dietro al Belpaese, in questa speciale graduatoria ci sono due nazioni baltiche, Lituania (50%) ed Estonia (49%), seguite da Grecia (47%), Lettonia (46) Austria (45%).

Il 9% degli insegnanti europei, poi, è risultato collocarsi nella fascia d'età over 60 e anche in questo caso l'Italia si è piazzata piuttosto in alto nella graduatoria, occupando il secondo posto (17%) alle spalle dell'Estonia (19%) e davanti alla Germania (16%)

I più giovani in Regno Unito, Francia e Spagna

Nella statistica di Eurostat emerge inoltre che le scuole a vantare il personale docente più giovane sono quelle britanniche, francesi e tedesche, con la Germania di poco staccata.

Tra i Paesi territorialmente facenti parte dell'Europa e per questo oggetto dell'analisi, ma non membri dell'Unione, spicca la bassissima età media dei maestri turchi.

Nei Paesi baltici il maggior numero di insegnanti donne

Per quanto concerne la distribuzione per sesso di appartenenza sorprende che tra le prime cinque nazioni con le quote rosa più alte, figurino ben tre Paesi baltici, con la Lettonia al primo posto (87%), seguita a breve distanza dalla Lituania (85%) con l'Estonia che invece si piazza quarta (83%) ex aequo con Slovenia e Bulgaria.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik