17:39 22 Novembre 2019
Polizia municipale italiana

Pesaro, maxi multa per un automobilista: guidava senza patente da 20 anni

© Sputnik . Наталья Селиверстова
Italia
URL abbreviato
221
Seguici su

Fermato dai vigili a Gradara, in provincia di Pesaro, perché alla guida senza cintura di sicurezza: dopo un controllo della polizia, scoprono che guidava senza patente da 20 anni. Multa salata per l'automobilista.

L'automobilista, residente a Gradara, si è messo alla guida della sua macchina dimenticandosi di allacciare la cintura di sicurezza. Questo errore è costato al guidatore una sanzione amministrativa di 5000 euro, come riporta il Resto del Carlino, poiché è stato fermato dalla polizia municipale del Comando di Gabicce Mare e Gradara che ha scoperto che l'uomo, quarantenne, guidava da 20 anni senza patente: non l'aveva mai conseguita.

Insieme alla multa salata, la polizia ha decretato il fermo del veicolo per tre mesi.

"Una buona faccia di bronzo e l’attitudine a guidare senza eccessi o abusi. Alla prima svista, come il dimenticarsi le cinture, la verità è venuta fuori", commenta il comandante della polizia municipale di Gradara Luciano Loccioni. 

Il caso del quarantenne non è l'unico, bensì nella provincia di Pesaro è stato il terzo caso di automobilista senza patente scoperto nel giro di una settimana. Tra questi un motociclista, beccato dal telelaser mentre sfrecciava su uno scooter di alta cilidrata a 100 chilometri all'ora in centro abitato e una donna, fermata per un controllo, scoperta alla guida della macchina nonostante la patente le fosse stata sospesa per guida in stato d'ebbrezza 5 anni prima.

Nel primo caso il motociclista ha ricevuto una multa di 1000 euro con 8 mesi di sospensione della patente, mentre la donna deve pagare una sanzione di 170 euro e ha avuto la revoca della patente.

Tra le tecniche che permettono a questi "furbetti" di evitare di essere scoperti c'è la classica scusa dell'aver lasciato la patente a casa e la tecnica di dare generalità fasulle.

"È quello che deve essere accaduto al quarantenne il quale aveva già avuto negli anni 90 la denuncia per guida senza patente. In generale purtroppo chi mente riguardo la propria identità indicando una persona per un’altra, la quale si presenta al Comando prendendosi la responsabilità del fatto contestato per evitare il decurtamento dei punti o peggio è un malcostume tutto italiano. Non dei nostri territori", continua il comandante Loccioni.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik