Widgets Magazine
13:27 13 Novembre 2019
Quadrato Meticcio

Squadra di calcio a 5 donne espelle il portiere per dei post razzisti su Facebook

© Foto: ASD Quadrato Meticcio Football
Italia
URL abbreviato
104
Seguici su

L’associazione sportiva indipendente Quadrato Meticcio ha estromesso il portiere dopo aver scoperto nei suoi post su Facebook idee avverse agli ideali del collettivo, ispirato ad antirazzismo, accoglienza e inclusione. La calciatrice non ci sta: "hanno belle iniziative, ma a me interessava solo giocare".

La calciatrice padovana Elvira Bello a metà settembre cercava una squadra con cui allenarsi ed ha contattato il Quadrato Meticcio, un’associazione sportiva indipendente. Il punto particolare di quest'associazione è che essa sostiene i principi di lotta contro razzismo e di accoglienza dei migranti. Dopo il contatto, la donna si è aggregata al team ed ha preso parte ai primi allenamenti.

Poco settimane più tardi, al ritorno da una vacanza, è stata accolta dalla decisione delle compagne di allontanarla dalla squadra. Il motivo? Le opinioni politiche di Elivira Bello, presidentessa del circolo di Fratelli d'Italia a Cadoneghe in provincia di Padova, si sono rivelate non in linea con gli ideali dell’associazione.

In particolare, la società avrebbe trovato sulla pagina Facebook dell'esponente di Fratelli d'Italia a Cadoneghe dei post contro i migranti. Un altro fatto che non è piaciuto alle compagne di squadra è il like messo ad una pagina con citazioni di Benito Mussolini.

“Ho iniziato con il Quadrato senza conoscere la loro storia e le loro posizioni. Ho scoperto che il gruppo sostiene i temi dell’inclusione e porta avanti attività di integrazione con gli extra comunitari. Di per sé sono belle iniziative ma a me interessava solo giocare”, ha spiegato la calciatrice al Corriere del Veneto.

La Bello ha anche dichiarato che per lei lo sport non c’entra con la politica. “Posso giocare contro una del Partito Democratico o con un’avversaria della Lega, poco cambia”, ha detto.

Dopo la diffusione della notizia è scoppiata la polemica ed alcuni utenti di Facebook sono andati a soddisfare la propria curiotà nel gruppo del Quadrato Meticcio. La società ha spiegato nei commenti che la calciatrice “istiga apertamente all'odio razziale e fa apologia del fascismo”.

La risposta del Quadrato Meticcio
Screenshot Facebook
La risposta del Quadrato Meticcio

Più avanti, Mattia Buscaro, presidente dell'associazione Quadrato Meticcio, ha riferito al Corriere del Veneto che la decisione definitiva non è stata ancora presa, aggiungendo che la Bello “è semplicemente incompatibile coi nostri valori etici e anche con quelli del Coni”.

Tags:
Calcio, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik