Widgets Magazine
13:22 13 Novembre 2019
Alitalia

Alitalia, chiarimenti fra governo e Atlantia, si va verso una soluzione

CC BY-SA 2.0 / BriYYZ / Alitalia
Italia
URL abbreviato
103
Seguici su

Si avvia a una soluzione la crisi tra governo e Atlantia, che minacciava di uscire dalla cordata. Il disgelo dopo un colloquio fra Patuanelli e i vertici della holding.

Dopo un colloquio del ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, con i vertici della holding dei Benetton, Fabio Cerchiai e Giancarlo Guenzi, la situazione si avvia al disgelo e si delinea una soluzione di compromesso tra governo e Atlantia. Lo scenario più probabile è un consorzio a 5 formato da Fs, Atlantia, Delta a cui si aggiunge il MEF che presenteranno il 15 ottobre l'offerta vincolante, riservandosi di definire prezzo e piano industriale a fine mese. 

Le dichiarazioni rilasciate ieri dal premier Conte non lasciavano molto spazio a soluzioni di compromesso. Alitalia è un asset strategico su cui il capo del governo non vuole fare un passo indietro. 

"E' una situazione complicata, non lo nascondiamo. Noi faremo il possibile per assicurare alla compagnia di bandiera di poter rivolare", non tanto e non solo per il problema occupazionale, gli oltre 10 mila dipendenti che perderebbero il posto, quanto "il fatto di rilanciare un asset strategico del trasporto intermodale, riguardo il turismo". Un asset che rilancia l'Italia, paese di destinazione turistica, con una propria compagnia di bandiera. "Non si tratta tanto di mediare ma di fare un'operazione che vogliamo fortemente caratterizzata sul piano industriale", aveva rimarcato ieri il premier ad Assisi, rispondendo alle domande dei cronisti.

Non ha usato la parola ricatto, ma il premier si è espresso  in maniera inflessibile sul nodo concessioni autostradali, che nella lettera inviata al ministro Patuanelli viene posto esplicitamente come condizione per la partecipazione di Atlantia alla cordata. "Non mi permetto di valutarlo, dico solo una cosa: il governo è stato molto chiaro dall'inizio, Alitalia è una questione, Autostrade e il procedimento amministrativo sulla revoca è un'altra questione, la commistione tra i due piani è inaccettabile".

Nella missiva, la holding dei Benetton aveva messo nero su bianco che la partecipazione alla cordata era messa in discussione dalla caducazione della concessione Alitaria, provocando l'irritazione del governo. Mancano infatti pochi giorni alla chiusura della cordata: il 15 ottobre è la deadline per la presentazione delle offerte finali da parte dei soci. Che ha rischiato di saltare. 

Tags:
ministero dell`Economia, Giuseppe Conte, Alitalia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik