22:00 14 Dicembre 2019
Roberto Gualtieri, il ministro dell'Economia

Manovra, ministro Gualtieri: non si toccano quota 100 e reddito di cittadinanza

© REUTERS / Ciro de Luca
Italia
URL abbreviato
2012
Seguici su

Secondo il capo del dicastero economico del governo giallo-rosso guidato dal premier Conte, una finanziaria da 30 miliardi "è una cifra credibile."

Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha dichiarato nella trasmissione su Rai3 "In mezz'ora in più" che nella manovra di bilancio verrà rivista la spesa pubblica, ma "non ci saranno tagli a scuola, sanità, università," dal momento che "non ce lo possiamo permettere, sarebbe controproducente".

Ha sottolineato che la manovra non sarà restrittiva, ma al contrario sarà nei limiti del possibile espansiva con il livello del deficit compreso dal 2% al 2,4%. 

"La nostra non sarà una manovra restrittiva, perché avrebbe un effetto negativo sull'economia. Punteremo a una piccola espansione, con il deficit che si collocherà in una saggia via di mezzo tra 2% e 2,4%", sempre con l'obiettivo di "ridurre il debito pubblico". 

Inoltre Gualtieri ha escluso la cancellazione della misura quota 100 e del reddito di cittadinanza varate dal precedente governo targato Lega-M5s.

"Non toccheremo quota cento e reddito di cittadinanza; la prima è una misura che va ad esaurimento" mentre sul reddito "la sfida è rafforzare le politiche attive" per l'inserimento nel lavoro, un governo serio non cambia la misura, cerca di farla funzionare bene".

Ha poi attaccato la Lega relativamente all'aumento dell'Iva che scatterà in assenza di misure correttive.

"C'è il conto del Papeete che ci è stato lasciato da pagare ma dobbiamo farlo in modo equilibrato. Da sottolineare l'immediata replica di Giancarlo Giorgetti, anche lui presente nella trasmissione, che ha riversato le accuse sul governo guidato da Gentiloni.

"Volevo dire a Gualtieri che l'aumento dell'Iva non l'abbiamo lasciato noi ma il governo Gentiloni. Quindi si rivolga a lui, per quello".

Riguardo alla flat tax, altro cavallo di battaglia della Lega, il ministro Gualtieri ha dichiarato che resterà in vigore la misura fino a 65mila euro per le partite Iva, pur non ritenendola giusta. Allo stesso tempo auspica di fermare l'aumento della soglia a 100mila euro che scatterebbe dall'anno prossimo.

Infine è intervenuto a favore dell'uso dei pagamenti elettronici, definendo il contante "antistorico".

"È antistorico e anche costoso l'uso eccessivo del contante. Bisogna aiutare a migrare verso i pagamenti elettronici".

Tags:
M5S, Movimento 5 Stelle, partito Democratico, quota 100, reddito di cittadinanza, Finanze, Economia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik