17:34 06 Dicembre 2019
Papa Francesco

Papa Francesco interviene ancora dalla parte dei migranti

© AP Photo / Pool/Filippo Monteforte
Italia
URL abbreviato
407
Seguici su

Il Pontefice così si è espresso durante la Messa per la Giornata del Migrante: "dobbiamo avere un'attenzione particolare verso i forestieri, come pure per le vedove, gli orfani e tutti gli scartati dei nostri giorni".

Papa Francesco ha celebrato la Messa domenicale in Piazza San Pietro in occasione della Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato. La cerimonia è stata particolarmente vivace e colorata grazie alla presenza di donne e uomini originari di ogni angolo del mondo con abiti tradizionali.

Durante l'omelia, Papa Francesco ha ricordato il valore dell'accoglienza, come scritto nella Bibbia. Il Dio di Israele è Colui "che fa giustizia all'orfano e alla vedova, che ama lo straniero e gli dà pane e vestito". Lo troviamo scritto nel libro del Deuteronomio, ma ce lo ripete il libro dell’Esodo e lo stesso Salmo Responsoriale della liturgia di oggi che afferma".

Il Pontefice ha evidenziato che la carità va messa in pratica non solo nei confronti dei migranti, ma per tutti gli emarginati, ovvero le vittime della cultura dello scarto di questa società.

Papa Francesco ha affermato che occorre inoltre "riflettere sulle ingiustizie che generano esclusione, in particolare sui privilegi di pochi che, per essere conservati, vanno a scapito di molti".

Ha poi duramente criticato l'indifferenza, atteggiamento non cristiano.

"Come cristiani non possiamo essere indifferenti di fronte al dramma delle vecchie e nuove povertà, delle solitudini più buie, del disprezzo e della discriminazione di chi non appartiene al 'nostro' gruppo. Non possiamo rimanere insensibili, con il cuore anestetizzato, di fronte alla miseria di tanti innocenti. Non possiamo non piangere. Non possiamo non reagire".

In linea con il Santo Padre l'intervento del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, che al termine della Messa ha affermato nel saluto al Pontefice. "Il Signore, con la sua Parola e il suo esempio di amore, ci invita ad essere solidali, a non assecondare le ingiustizie e l'empietà. I poveri che bussano alla nostra porta, i migranti e altri che cercano una vita migliore sono il nostro prossimo nel bisogno".

Tags:
Società, Migranti, Immigrazione, Chiesa Cattolica, Vaticano, Papa Francesco
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik