15:56 22 Novembre 2019
Un elicottero sorvola la zona dello schianto dell'Airbus A320 sulle Alpi francesi

Monte Bianco, allarme per possibile crollo di una parte del ghiacciaio Planpincieux in Val D'Aosta

© AFP 2019 / Anne-Christine Poujoulat
Italia
URL abbreviato
0 04
Seguici su

L'allarme lanciato dai tecnici della regione valdostana e dal sindaco: "Abbiamo chiuso la strada comunale Val Farret". Non è l'unico ghiacciaio a rischio sulle lpi e non solo: il Calderone, sul Gran Sasso è praticamente estinto.

A rischio crollo una parte del ghiacciaio Planpincieux, sulle Grandes Joresses, lungo il versante italiano del massiccio del Monte Bianco. La massa a rischio collasso, che si muove alla velocità di 50-60 centimetri al giorno, sarebbe pari a 250mila metri cubi. Sono stati i tecnici della regione Valle D'Aosta a dare l'allarme, insieme all'associazione Montagna sicura.

Il sindaco di Courmayer, Stefano Miserocchi ha disposto la chiusura della strada comunale Val Ferret e sarebbe intenzionato a firmare anche un'ordinanza per evacuare gli immobili entro l'area che dovrebbe essere investita dalla valanga di ghiaccio.

L'eventuale crollo della massa ghiacciata potrebbe interessare il fondo valle dove sono presenti abitazioni

“In base agli scenari presentati per motivi di sicurezza e incolumità pubblica, abbiamo dovuto adottare tali misure poiché lo scenario di eventuale caduta della porzione di ghiacciaio interessa questa volta il fondo valle antropizzato”, ha detto il sindaco.

Colpa del clima, secondo Miserocchi:

“Tali fenomeni testimoniano ancora una volta come la montagna sia in una fase di forte cambiamento dovuto ai fattori climatici, pertanto è particolarmente vulnerabile. Nella fattispecie si tratta di un ghiacciaio temperato particolarmente sensibile alle elevate temperature”.

Nella stessa zona è a rischio crollo è anche il ghiacciaio Whymper, già sotto osservazione per un imminente cedimento del seracco terminale (una tipica formazione a torre dei ghiacciai). Tutti i sentieri sottostanti, per ordine del sindaco, sono stati chiusi. La situazione dei ghiacciai sull'arco alpino è monitorata da tempo, date le tante formazioni a rischio, il cui numero è aumentato in questi ultimi anni. Come il ghiacciaio del Lys, anche questo in Valle d'Aosta sulla cui sopravvivenza esistono forti timori. Secondo uno studio del Wwf nel giro di pochi decenni, i ghiacci eterni delle Alpi orientali e centrali potrebbero ridursi drasticamente o scomparire. A rischio anche il ghiacciaio di Forni, in Valtellina, in forte ritiro da oltre trent'anni mentre viene considerato estinto quello del Calderone nel Gran Sasso, il ghiacciaio più a sud d'Europa.

Correlati:

Il ghiacciaio più grande delle Alpi
Valanghe, quattro sciatori perdono la vita sulle Alpi. Si teme un’altra vittima
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik