Widgets Magazine
13:51 13 Novembre 2019
Il Castel Sant'Angelo, Roma, Italia

Roma, trasporto pubblico: aumenta il prezzo di bit (a due euro) e abbonamenti dal 2022-2023

© Sputnik . Vladimir Astapkovic
Italia
URL abbreviato
207
Seguici su

Gli aumenti erano stati siglati con la regione Lazio nel 2018. Il provvedimento è comunque subordinato all'acquisto di nuovi treni e vetture

Sono in arrivo gli aumenti per le tariffe del trasporto pubblico a Roma e nel Lazio. Ma non subito. Cominciamo dal primo: a Roma il bit, il famoso biglietto integrato a tempo da 75 minuti, che prevede un solo viaggio sulla metropolitana, passerà da un euro a due. Data d'inizio del cambio di tariffa: il 1 agosto 2023, con prevendita degli abbonamenti dal 25 luglio dello stesso anno.

Il prezzario, come recita il contratto di servizio siglato nel maggio 2018 tra Trenitalia e regione Lazio, sarà il seguente: oltre al bit da due euro i nuovi prezzi prevedono il “Roma 24 ore” a 9 euro e 30 centesimi, il “Roma 48 ore” a 16 euro e 70, quello da 72 ore passerà a 24 euro mentre gli abbonamenti mensili ordinari, oggi a 35 euro saliranno fino a 46,70 euro.

La regione Lazio: "Gli aumenti saranno subordinati al rinnovo del parco treni e vetture"

Poi: per il metrebus regionale gli aumenti partiranno un po' prima, dal 1 gennaio 2022 con prevendita degli abbonamenti dal 25 dicembre 2021. Gli aumenti comunque saranno subordinati, specificano alla regione Lazio all'arrivo dei nuovi treni e delle nuove vetture e saranno applicati con una certa gradualità, di pari passo col miglioramento del servizio.

“La Regione Lazio ha due contratti di servizio - spiegano i tecnici regionali - uno con il Cotral per le linee su gomma, l'altro con Trenitalia per le ferrovie regionali. E mentre il Cotral è una società al 100% della Regione, Trenitalia ha bisogno di un flusso di cassa in vista degli investimenti, che consistono, come da impegni presi, nel rinnovo al 100% del materiale rotabile”.

Nel frattempo la Regione sta verificando chi e con quali modalità gestirà Metrebus per i prossimi tre anni. Potrebbe essere la Regione stessa.

Per adesso la bigliettazione integrata coinvolge Atac, Trenitalia e Cotral ed è gestita da Atac, che prende l'86% dei proventi dei biglietti ma soltanto all'interno della cinta urbana. Il resto è diviso tra Cotral e Trenitalia. L'ultimo aumento del prezzo del biglietto a Roma risale al 2012.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik