01:14 14 Dicembre 2019

Faccia di Salvini "bastonata" in un parco di Roma

© AP Photo / Christophe Ena
Italia
URL abbreviato
4715
Seguici su

Il gioco della pignatta con un cartone con la faccia di Salvini, appeso a un filo e preso a bastonate. E' successo durante una serata musicale al parco Schuster di Roma.

La serata era stata organizzata nell'ambito del programma "Estate Romana", patrocinato dal comune. Tra le varie attività in programma nell'evento, per intrattenere il pubblico, il gioco della pignatta. la particolarità del gioco: il fantoccio usato come pignatta rappresentava Matteo Salvini. I partecipanti si sono messi in fila per giocare e colpirlo con un bastone. 

«Ragazzi, è ufficiale: abbiamo rotto la testa a Salvini»: così lo speaker che animava l'attività, incoraggiava la folla.

L'episodio ha suscitato molte polemiche e l'indignazione dei leghisti, che hanno lo hanno definito uno spettacolo vergognoso, un gesto di odio e hanno chiesto al sindaco Raggi di prendere le distanze dall'accaduto. 

«È vergognoso quanto accaduto questa notte nel corso di un evento a parco Schuster. Un gruppo di esaltati ha appeso ad un filo la testa di Salvini e poi ha proceduto a prenderla a bastonate, con tanto di incoraggiamento del dj. Cosa ancora più scandalosa è il fatto che l’evento risulti sponsorizzato mediaticamente dai siti di Roma Capitale» hanno riferito in una nota gli esponenti locali della Lega, Francesco Zicchieri il coordinatore Regionale, Claudio Durigon, vice coordinatore regionale, Flavia Cerquoni, coordinatore romano, Maurizio Politi, capogruppo in assemblea capitolina, Daniele Maggi, coordinatore del Municipio Roma 8, e Franco Federici e Raffaella Rosati, consiglieri municipali.

«Cosa ancora più scandalosa è il fatto che l’evento risulti sponsorizzato mediaticamente dai siti di Roma Capitale. - continua la nota - Abbiamo già predisposto un’interrogazione urgente al Sindaco per sapere se abbiano usufruito di finanziamenti pubblici e sopratutto chiediamo che Virginia Raggi si dissoci immediatamente da tale gesto, togliendo eventuali autorizzazioni a questi fomentatori di odio».

Tags:
Virginia Raggi, Matteo Salvini, Lega, Roma, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik