00:11 14 Dicembre 2019

Salvini avverte le Ong: porti aperti finiranno col mio ritorno

© AP Photo / Olmo Calvo
Italia
URL abbreviato
6182
Seguici su

E' cominciato il tradizionale raduno leghista a Pontida, in provincia di Bergamo. Oggi Matteo Salvini è intervenuto davanti i giovani leghisti.

"Chi non salta comunista è", questi i cori dei giovani della Lega a Pontida mentre Matteo Salvini parla. In un primo momento l'ex capo del Viminale è rimasto stupito, poi si è sciolto iniziando a saltare insieme ai suoi sostenitori.

"Ragazzi, questi come Renzi e la Boschi non possono neanche essere chiamati comunisti, una volta almeno i comunisti erano persone serie".

Durante l'intervento Salvini ha commentato la notizia del giorno in Italia, ovvero la concessione di Lampedusa come porto sicuro alla nave Ocean Viking con a bordo 82 migranti, cercando di sminuire la soddisfazione degli attivisti delle ong.

"Ora che i porti sono aperti, care Ong, godeteveli questi porti, perché noi al governo ci torniamo e torneremo a difendere i confini come si fa in un Paese normale". 

Salvini ha poi mandato un chiaro messaggio a chi lo crede sconfitto ed isolato all'opposizione:

"se qualche giornalista pensava che, avendo perso i ministeri, avrebbe trovato una Pontida vuota e triste, sappia che qui c'è la Pontida più grande di sempre".

Insulti a Mattarella

Dal palco è intervenuto il deputato della Lega e consigliere comunale a Verona Vito Comencini, che si è scagliato contro il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, "colpevole" di non aver sciolto il Parlamento dopo la crisi di agosto per indire nuove elezioni.

"Questo Presidente della Repubblica, lo posso dire? Mi fa schifo. Mi fa schifo chi non tiene conto del voto del 34% degli italiani".

Tags:
Lega, ONG, Matteo Salvini, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik