10:00 21 Novembre 2019
Bandiera russa

Ambasciata russa non è soddisfatta dalla risposta del Corriere della Sera

© Sputnik . Sergey Malgavko
Italia
URL abbreviato
16762
Seguici su

L'Ambasciata russa in Italia si è detta insoddisfatta dalla risposta del Corriere della Sera alla richiesta di ammettere di aver considerato per errore un diplomatico russo come una delle persone coinvolte nel caso Metropol.

L'Ambasciata della Federazione Russa in Italia considera "insoddisfacente" la risposta del Corriere della Sera alla richiesta della missione diplomatica di riconoscere la pubblicazione in cui avrebbe inserito, per errore, un diplomatico russo tra le persone coinvolte nell'indagine di alto profilo sul presunto finanziamento russo del partito della Lega.

Lo afferma la lettera dell'ambasciata, inviata venerdì all'editore:

"Replica dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia in merito alla pubblicazione del commento del Sig. M.Gerevini del 13 settembre c.a.

Caro Direttore,

Abbiamo preso atto della pubblicazione, nel vostro giornale, del 13 settembre c.a. della lettera della nostra Ambasciata. Abbiamo rilevato che, dalla lettera, è stato escluso il nostro appello, rivolto alla redazione, di smentire l’informazione di carattere calunnioso, contenuta nell’articolo del 6 settembre scorso, nonché di porgere scuse al nostro diplomatico.

Come si evince dal commento di M.Gerevini posto sulla pagina sotto la nostra lettera, in data 5 settembre, alla vigilia della pubblicazione, lui si sarebbe rivolto al Consigliere dell’Ambasciata Dmitry Gurin per ottenere spiegazioni. Portiamo a conoscenza della redazione che il Consigliere Gurin ha terminato la sua missione in Italia già alla fine del mese di agosto scorso. In ogni caso non c’era nessuna urgenza nella pubblicazione del materiale il giorno successivo al formale messaggio all’Ambasciata – alcune questioni di portata molto meno significativa richiedono più tempo per la lavorazione e la precisazione.

Certamente capiamo che in ogni lavoro sono possibili errori e malintesi. Allo stesso tempo da un giornale così autorevole come il vostro ci aspettavamo una smentita diretta e le scuse al diplomatico russo calunniato.

Con stima,

L’Ambasciata della Federazione Russa in Italia".

La pubblicazione del Corriere della Sera

Venerdì, la redazione del Corriere della Sera ha affermato che l'errato inserimento del nome del dipendente dell'Ambasciata russa nella lista dei coinvolti nel finanziamento della Lega, è stato commesso per mancanza di risposta a una corrispondente domanda fatta alla missione diplomatica, e che avrebbe anche fatto riferimento a elenchi imprecisi di diplomatici presso il ministero degli Esteri italiano, dove i nomi sono indicati senza patronimico.

La questione del materiale del Corriere giovedì è stata sollevata dalla portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Secondo lei, Mosca terrà sotto controllo la questione e pubblicherà una smentita nella corrispondente sezione del sito web del ministero degli Esteri russo.

In precedenza, la missione diplomatica russa in Italia aveva chiesto alla redazione del Corriere della Sera di pubblicare una smentita riguardo l'articolo pubblicato dal titolo "Savoini-Salvini, il 'terzo uomo' ha l'immunità diplomatica".

Correlati:

Ambasciata russa non è soddisfatta dalla risposta del Corriere della Sera
Caso Metropol, Ambasciata russa in Italia risponde al Corriere della Sera
Tags:
ambasciata, Ambasciata
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik