00:48 09 Dicembre 2019
Giuseppe Conte interviene al vertice a Bruxelles

Ue, Conte: penalizzare chi non partecipa alla gestione di migranti

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Italia
URL abbreviato
5311
Seguici su

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte oggi a Bruxelles ha sottolineato che per la gestione di migranti deve essere elaborato un meccanismo che funzioni al livello europeo.

Oggi il capo del nuovo governo si è recato a Bruxelles, dove incontra i leader della politica europea. Il premier ha già parlato con il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ed il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

“Oggi sarò a Bruxelles dove si prospetta una giornata fitta di incontri con i vertici delle Istituzioni comunitarie. In Europa non abbiamo tempo da perdere, ritengo sia prioritario accelerare per raggiungere tre obiettivi fondamentali e strategici per l’Italia e gli interessi degli italiani”, ha scritto Conte in un post su Facebook. Tra gli obiettivi dell’Italia il premier nomina la modifica del Patto di stabilità a favore della crescita, la rivisione del Regolamento di Dublino ed instaurazione di “un regime di misure e interventi straordinari” che favoriscano la crescita e lo sviluppo del Sud.

Dopo l’incontro con Tusk, il capo del governo giallorosso ha accennato l’importanza di introduzione delle nuove regole per la gestione dei migranti. Secondo Conte, i rimpatri “dovranno essere gestiti a livello europeo” e chi non partecipa alla ripartizione deve essere penalizzato.

“C'è grande disponibilità a trovare un accordo, anche se temporaneo, poi lo perfezioneremo ma dobbiamo uscire dai casi emergenziali affidati alla sola Italia. Qui abbiamo la massima disponibilità ma sicuramente l'Italia vuole che anche in questo meccanismo temporaneo ci sia sostanziale condivisione e ripartizione. In prospettiva quando lo perfezioneremo avremo probabilmente dei paesi che saranno riluttanti. Ma chi non parteciperà ne risentirà molto sul piano finanziario”, ha detto il premier.

“Dobbiamo fare molto di più. In Italia non possiamo dirci soddisfatti ma abbiamo totale condivisione anche su questo. D'ora in poi il meccanismo dovrà essere gestito a livello europeo integrando gli accordi che devono essere a livello europeo”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda la situazione con l’economia del Belpaese, Conte ha dichiarato che l’obiettivo è la riduzione del debito.

“Non stiamo dicendo che non vogliamo i conti in ordine ma lo vogliamo fare attraverso una crescita ragionata e investimenti produttivi. Consentiteci di realizzare questi investimenti e per un po' di tempo lasciateci realizzare questo progetto”, ha detto il presidente del Consiglio.

Oggi in giornata Conte aveva dichiarato che la manovra in Italia “si farà”. Il premier ha dichiarato che la manovra sarebbe stata redatta in autonomia da Bruxelles e che avrebbe avuto come obiettivi principali la sterilizzazione dell'Iva e la riduzione del cuneo fiscale, mantenendo reddito di cittadinanza e Quota 100.

In precedenza il governo M5s-Pd guidato da Giuseppe Conte ha ottenuto la fiducia da parte della Camera e del Senato.

Correlati:

Resa dei conti al Senato, scontro tra Salvini e Conte
Macron incontrerà Mattarella e Conte a Roma il 18 settembre
Tags:
Giuseppe Conte, Migranti, Economia, UE, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik