15:57 15 Novembre 2019
Hillary Clinton

Hillary Clinton sbarca a Venezia per vedere la mostra dedicata alle sue email

© AFP 2019 / Brian Ach
Italia
URL abbreviato
3310
Seguici su

L’ex first lady e la candidata per la presidenza alle elezioni scorse negli Stati Uniti Hillary Clinton è giunta ieri sera a Venezia. Nel suo programma c’è stata una una visita ad una mostra dedicata ai suoi messaggi mandati tramite posta elettronica.

La mostra “'Hillary. The Hillary Clinton emails” che si tiene nel capoluogo veneto ha attirato anche l’autrice dei messaggi messi a disposizione. Hillary Clinton nel corso della sua permanenza a Venezia ha già visitato la Fenice e Palazzo Ducale in forma privata, in più è passata per la Basilica di San Marco. Così, la senatrice statunitense ha anche fatto un salto dalla mostra dedicata a lei.

“Hillary. The Hillary Clinton emails” è una mostra artistica personale dell’artista e poeta Kenneth Goldsmith realizzata dal duo curatoriale Francesco Urbani Ragazzi.

“Tutte le 60,000 pagine delle e-mail di Hillary Clinton sono in mostra su una replica esatta della scrivania Resolute nello studio ovale. Anche i tappeti dello studio ovale sono stati ricreati”, ha scritto Kenneth Goldsmith in un post su Twitter.

L’installazione è stata inaugurata al Despar Teatro Italia nell’ambito della 58ma Biennale d'Arti Visive di Venezia grazie al lavoro congiunto di The Internet Saga e Zuecca Projects, si legge sul sito web del duo editoriale.

Hillary Clinton, essendo il segretario di Stato dal 2009 al 2013 conduceva la corrispondenza ufficiale e privata attraverso il suo server privato. L'FBI ha condotto un'indagine sui messaggi della ex first lady, senza presentare accuse. Tuttavia, lo scandalo ha influito negativamente sulla sua popolarità nel periodo precedente alle elezioni presidenziali.

Correlati:

Trump ha trovato l’utilità della Clinton per la Russia
Netflix vuole girare una serie TV su Hillary Clinton e la sua sconfitta alle elezioni
Tags:
caso Clinton email, Hillary Clinton, USA, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik