09:23 21 Novembre 2019

"Traditore, traditore", Conte contestato al Senato

© REUTERS / Remo Casilli
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
984
Seguici su

Agitazione in Senato per l'entrata di Conte. Il premier è stato contestato dai senatori leghisti al grido di "Traditore, Traditore", mentre Salvini è stato accolto con una "Ola".

Forti proteste si sono levate dai banchi dell'opposizione in Senato. Il premier Conte è stato accolto dal coro “traditore, traditore!” da parte di diversi parlamentari leghisti. Altri cori sono stati rivolti ai colleghi del Pd, “Bibbiano, Bibbiano!” e “dignità, dignità!”, all'avvio della discussione. Un senatore di Forza Italia, invece, ha esposto un cartello con la scritta: “Sei un barone, non un Conte“, che i commessi hanno immediatamente provveduto a rimuovere.

La seduta è stata sospesa per qualche minuto quando la senatrice leghista Lucia Bergonzoni ha indossato una maglietta bianca recante la scritta "Parlateci di Bibbiano", gesto che ha scatenato la bagarre in aula.

Il Presidente del Consiglio ha reagito alle contestazioni. "Io non ho mai detto e non dirò mai che avete tradito - mi rivolgo alla Lega", ha dichiarato il aula Conte, "Ma dico che mentre il Movimento 5 stelle è stato coerente al proprio programma, voi dimostrate di essere coerenti alle vostre convenienze elettorali”.

L'accoglienza a Salvini

L'aula di Palazzo Madama è stata animata anche al momento dell'ingresso di Matteo Salvini, accolto dagli applausi dei leghisti e da una "ola", che ha scatenato nuovamente il caos, provocando l'intervento della presidente del Senato, Elisabetta Casellati, per riportare l'ordine. 

La fiducia al Governo

Ieri il Conte Bis ha incassato la fiducia alla Camera, ottenendo 343 voti contro 263 contrari e 3 astenuti. Oggi, invece, verrà chiesta la fiducia al Senato, dove il margine è molto più ristretto. 

Tema:
Crisi di Governo (77)
Tags:
Lega, Giuseppe Conte, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik