Widgets Magazine
17:46 21 Ottobre 2019
Battello turistico sulla Moscova di fronte al Cremlino

Caso Metropol, Ambasciata russa in Italia risponde al Corriere della Sera

© Sputnik . Vladimir Pesnya
Italia
URL abbreviato
11442
Seguici su

La missione diplomatica russa in Italia ha chiesto alla redazione del Corriere della Sera di pubblicare una smentita sull'articolo pubblicato oggi dal titolo "Savoini-Salvini, il 'terzo uomo' ha l'immunità diplomatica".

L'Ambasciata della Federazione Russa in Italia ha pubblicato un post sulla propria pagina su Facebook, in cui esprime stupore per l'articolo pubblicato sull'edizione di oggi del quotidiano di via Solferino a firma del corrispondente Mario Gerevini, in cui si sostiene che nella missione diplomatica russa lavori il funzionario A.Kharchenko, che avrebbe partecipato all'incontro all'hotel Metropol di Mosca di Savoini con alcuni intermediari russi per chiedere finanziamenti alla Lega per la campagna elettorale delle europee.

L'Ambasciata ha confermato che in qualità di primo segretario lavora Andrej Nikolaevich Kharchenko (nato nel 1987), tuttavia non ha "nulla a che fare con il personaggio" della ricostruzione dell'articolo del Corriere della Sera.

"Per parte nostra comunichiamo che effettivamente presso l'Ambasciata lavora il primo segretario Andrej NIKOLAEVICH Kharchenko (nato nel 1987) che non ha assolutamente nulla a che fare con il personaggio col quale tentate di identificarlo."

​L'Ambasciata ha aggiunto che il giornalista che ha firmato l'articolo effettivamente ha cercato di contattare la missione diplomatica con una e-mail, tuttavia senza attendere la risposta ha preparato l'articolo "calunnioso".

"Informiamo inoltre che il giornalista M.Gerevini si è effettivamente rivolto a noi in data 5 settembre alle ore 17.54, tramite invio di una mail e, senza attendere la risposta, ha consegnato il proprio articolo dal contenuto calunnioso."

Il post si conclude con la richiesta di pubblicare una smentita ufficiale delle informazioni non veritiere contenute nell'articolo e di porgere le scuse al diplomatico russo tirato in ballo, che "come tutti noi lavora a favore dello sviluppo delle relazioni italo-russe."

L'articolo del Corriere della Sera

Nell'articolo a firma di Mario Gerevini, si sostiene che uno dei tre russi che avrebbero preso parte all'incontro al Metropol di Mosca con Savoini sarebbe il funzionario dell'Ambasciata Andrej Kharchenko, che sarebbe entrato a far parte del corpo diplomatico 24 ore prima che esplodesse il caso del Russiagate all'italiana.

Il giornalista sostiene che in virtù dell'incarico all'Ambasciata Kharchenko gode dell'immunità diplomatica, pertanto non è tenuto a fornire spiegazioni ai magistrati milanesi che conducono l'inchiesta su Savoini, il faccendiere che secondo l'accusa avrebbe cercato di ottenere illecitamente fondi russi per la Lega.

Tags:
Corriere della Sera, Lega, Matteo Salvini, Gianluca Savoini, Russia, Ambasciata, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik