Widgets Magazine
15:16 23 Ottobre 2019

Salvini: "parte un governo che rappresenta la minoranza della minoranza degli italiani"

© Foto : foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica
Italia
URL abbreviato
11248
Seguici su

Il leader della Lega ha promesso di vigilare affinchè il nuovo governo Pd-M5s non smonti quota 100, decreti di sicurezza e quello fatto nella precedenze esperienza di governo su scuola, agricoltura e immigrazione.

L'ex vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha concesso un'intervista a Sky Tg24.

Ha ironizzato sul suo ex alleato e vicepremier pentastellato Luigi Di Maio alla luce del nuovo incarico alla Farnesina.

"Non so come si possa passare in una settimana dal fare il ministro del Lavoro al fare il ministro degli Esteri. Mi tolgo il cappello, io non ne sarei capace".

Ha poi contestato la legittimità di questo governo, evidenziando la frattura tra l'opinione degli elettori e del Parlamento.

"Parte un governo che rappresenta la minoranza della minoranza degli italiani e la maggioranza degli interessi dei parlamentari. Vigileremo perché non smontino quota 100, decreti sicurezza, ciò che abbiamo fatto sulla scuola, sull'agricoltura, sull'immigrazione. A testa alta vigileremo e prima o poi tanto si torna a votare. Hanno già cominciato a litigare". 

Salvini ha proseguito nelle sue critiche al nuovo esecutivo, in particolare su eventuali piani del governo di portare in porto una riforma elettorale per contenere il probabile successo della Lega alle prossime elezioni politiche.

"Se il nuovo governo parte con la legge elettorale non ci siamo, perché chi mi ferma per strada mi chiede di tagliare tasse e burocrazia e riformare la giustizia. Non mi piace l'Italia della palude che torna indietro, 37 partiti dove quello che ha il 2% ti condiziona. Ci opporremo al ritorno al passato. Per noi vince chi prende un voto di più".

Sul prossimo appuntamento elettorale, le elezioni regionali in Umbria del prossimo ottobre, Salvini ha evitato di inquadrare l'evento come un referendum sul nuovo governo giallo-rosso, evidenziandone il carattere locale.

"In Umbria hanno la fortuna di votare per liberarsi del malgoverno della sinistra. Lì si vota perché li hanno arrestati, perchè hanno arrestato quelli del Pd, non perché l’ho deciso io. C'è una situazione in cui è tutto fermo, dalla sanità alle strade, e gli umbri voteranno liberamente per l’Umbria. C'è tanta voglia di cambiamento, e noi candidiamo una persona che ha fatto per anni il sindaco".

All'insistenza del giornalista che ha chiesto se la Lega chiederà un voto contro il governo, Salvini ha replicato:

"Saranno voti per l’Umbria, non saranno voti contro gli inciuci romani."

Tags:
Giuseppe Conte, partito Democratico, Movimento 5 Stelle, M5S, Lega, Matteo Salvini
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik