15:26 13 Novembre 2019

Salvini: ha vinto il partito delle poltrone e dei no

© Sputnik . Evgeny Utkin
Italia
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
15314
Seguici su

Matteo Salvini, dopo l'esito del voto sulla piattaforma Rousseau, che ha consacrato l'alleanza di governo fra gli ex alleato del M5S e il PD, ha commentato: ha vinto il partito dei no e delle poltrone.

Il partito della poltrona ha segnato un gol, ma la partita è lunga", così  Salvini commenta con un video Facebook le votazioni sulla piattaforma Rousseau, dicendo che rispetta la volontà di 60 mila iscritti al M5S, "ma sarebbe e sarà più serio chiedere il parere a 60 milioni di italiani".

"In questo momento Renzi e Grillo, o Di Maio e la Boschi, saranno al telefono, saranno in una stanza per spartirsi ministeri, segretari, sottosegretari, vicepresidenze e presidenze. Sono orgoglioso che la Lega stia fuori da questo mercato delle vacche disgustoso", ha continuato. Secondo il leader dei leghisti, non sarà solo un governo delle poltrone, ma anche un governo dei no, perché "Di Maio continua a dire no. No alla ricerca di petrolio, ovunque nel mondo trovino petrolio fanno festa, perché significa soldi e lavoro, in Italia no, no ai nuovi termovalorizzatori" e poi ironizza: "Luigi, amico mio, i rifiuti ce li mangiamo? Oppure spendiamo i miliardi per mandarli all'estero."

"Questo è il governo delle poltrone e dei no. Si fanno schifo, litigano a vicenda, però l'importante è non andare a votare, perché se per caso si va a votare loro non saranno rieletti. Quindi per la poltrona. Il partito che era nato per combattere la casta, diventa più casta della casta". E poi continua: "Uniti come unico collante dall'odio della Lega, di Salvini e degli italiani che non la pensano come loro, ma che guarda caso sono maggioranza".

"Ma siamo ancora in democrazia, quindi mi avrete da oggi più presente, incazzato e determinato di prima e girerò città per città, paese per paese, perché ci prepariamo a riprenderlo per mano questo splendido paese", promette Salvini. E conclude: "Noi ci siamo, vigileremo, in Parlamento e soprattutto fuori dal Parlamento, con lealtà, con onore e con orgoglio. Se voi ci siete io ci sono più pronto e determinato che mai". 

Tema:
Crisi di Governo (77)
Tags:
Matteo Salvini, Lega, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik