Widgets Magazine
18:46 16 Ottobre 2019

La nave Mar Jonio annuncia azioni legali, intanto tre evacuati d'urgenza - Video

© AP Photo / Olmo Calvo
Italia
URL abbreviato
209
Seguici su

Altri tre passeggeri della Mar Jonio evacuati nella notte, ricoverati d'urgenza. L'equipaggio annuncia di aver inviato una richiesta di revoca del divieto di ingresso, prima di intraprendere un'azione legale.

Sono rimasti in 31 i 98 naufraghi raccolti dalle acque lo scorso mercoledì. Dopo i bambini con le famiglie, la guardia costiera ha trasbordato a terra per un ricovero d'urgenza tre persone in gravi condizioni, tra cui una donna in stato confusionale, trasportata in barella, perché non era in condizioni di reggersi reggersi in piedi. 

"Ci stiamo chiedendo se davvero le autorità del paese hanno deciso che tutte debbano scendere in queste condizioni vergognose, dopo essere ridotte allo stremo in barella". Dichiara la portavoce Alessandra Sciurba, sul modo di Lampedusa, che annuncia anche l'invio di una revoca di istanza in autotutela.

La ONG chiede revoca del provvedimento "per tutelare le istituzioni che rappresentano, ripristinare lo stato di diritto, e sospendere lo stato di violazione. Qualora arrivasse un diniego da domani mattina per noi si apriranno tutte le vie legali, con una giurisprudenza forte e documenti che certificano il danno che stanno provocando sulle persone trattenute illegalmente"

Alla richiesta sono "allegate le perizie mediche e psicologiche dei passeggeri per spiegare le condizioni in cui versano, per dimostrare che il motivo che regge il divieto, cioè difendere le coste da queste persone, non ha senso di esistere", sostiene Sciurba che aggiunge di aver inviato all'indirizzario fornito dalla capitaneria di porto, riportato in chiaro nella comunicazione inoltrata ieri.

​L'equipaggio sostiene che la richiesta possa servire a risolvere la situazione di illegalità "prima che provvediamo per tutte le vie legali disponibili, istituzioni italiane, a partire dai tre ministeri che hanno firmato il decreto: potete revocarlo, per tutelare le istituzioni che rappresentate".

Infine, sottolinea, poiché le previsioni meteo potrebbero peggiorare, si potrebbe configurare un "inasprirsi dei reati" come ad esempio il reato di procurato naufragio. Il comandante Giuseppe Buscema, marinaio professionista di mercantili, ha già comunicato le difficoltà derivanti dal peggioramento delle condizioni di navigazione e ha dichiarato che farà rotta verso nord, Capo Passero, per cercare di mettere al riparo l'imbarcazione. 

Intanto nella notte ha già piovuto, aggravando le condizioni dei passeggeri sull'imbarcazione. Mentre la Mar Jonio è bloccata in acque internazionali, continuano gli sbarchi fantasma, o sbarchi anonimi. A Pozzallo, in provincia di Ragusa, è avvenuto uno sbarco di 29 persone, di cui 19 minori (5 famiglie). 

Tags:
Mediterraneo, Lampedusa, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik